Vai al contenuto

MarcoBorga96

+ Utente Attivo
  • Conteggio contenuto

    299
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    1

MarcoBorga96 ha vinto l'ultimo giorno in 2 Maggio 2020

MarcoBorga96 ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

178 Excellent

2 che ti seguono

Che riguarda MarcoBorga96

  • Rango
    90cc
  • Compleanno 26/11/1996

Contact Methods

  • Scrivi una frase sensata sul mondo dei motori
    Vespa, fatti pungere dalla passione

Profile Information

  • Regione?
    Verbano-Cusio-Ossola
  • Gender
    Male
  • Interests
    Meccanica, elettronica
  • Occupation
    Conduttore di impianti minerari
  • Nome Reale
    Marco Borgatta

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

636 lo hanno visualizzato
  1. Il rombo mi piace e bella strada 😉 La soluzione migliore è il pignone come dice il buon Roberto. Avendo una marmitta come questa nuova, sarebbe un peccato sostituirla anche se partendo da un nuovo acquisto, come ti dicevo, mi sarei fiondato su una giannelli a banana
  2. E' uno spettacolo! Di che anno è? Non lo sprechi affatto. E' concepito per adattarsi a tutte le scuole di pensiero o di preferenze. Sei ferreo sulla valvola, ottimo dato che è sana. Ma...metti caso che fra qualche tempo, avrai voglia di fare un ulteriore upgrade, col Polini ti ritroveresti sempre li. Invece col Malossone potrai dire "dai, provo ad alimentarlo al cilindro" ed apprezzarne le effettive differenze fra le due aspirazioni
  3. Eh Poeta, se solo a scuola avessi studiato poeti così interessanti, sarebbe stata una gioia E' proprio vero, il Malossi da il meglio alimentato al GT. Ma io sono dell'idea che puoi partire con la sua spirazione al carter e se un giorno avrai voglia di fare un esperimento, avrai già tutto pronto per alimentarlo in questo modo
  4. E' proprio questo il bello del forum. Siamo qui per discuterne insieme e attraverso varie correnti di pensiero, troverai la soluzione più adatta per te
  5. Vado un pò contro corrente. Io terrei la 27/69 liscia e ragionerei sul cluster, in modo da ridurre ogni rischio di 4^ fiacca. Questo ti permetterà di avere a disposizione una valanga di marmitte diverse, oltre ad avere la regolazione extra dei pignoni
  6. La SIP è disponibile in entrambe le configurazioni (variabile o fissa). In DC hai la possibilità di installare la batteria, se vorrai usare strumenti digitali come il "tacko" SIP o mettere un frigo nel bauletto con una cella di Peltier per tenere fresche le birre per i raduni Hai più che ragione. Come ti accennavo dipende dal motore. Se vado a comprare il pane con un 130 DR non sto a menarmela con la variabile, ma su motori più sprintosi, cambia tutto. Va in base alle esigenze
  7. No, anzi. E' proprio con la ghisa che rimarrà li al suo posto. Con gli alu è necessario asportarla Per l'accensione, vai di SIP. Te lo consiglio da discussioni già effettuate in merito, dato che la vorrei acquistare anche io. Già la grande differenza sta nel fatto che fornisca 110W contro i 90 delle IDM standard. Oltretutto (dipende da motore, per carità) ma per girarci per strada, ben venga l'anticipo fisso
  8. Fino a che potenze può tenere secondo te?
  9. E' un signor cilindro. Perchè vorresti cambiarlo?
  10. Come andare a 160 con un pandino 😜 Nonostante questo, quelle cavallerie sono ben lontane dall'essere raggiunte. Ti faccio un esempio. In molte discussioni sono presenti i D.60 turistici (rigorosamente a valvola) con la proma come marmitta o siluro (adattate nei collettori). Sono gt ben lontani dai ghisa, sia come erogazione che come realizzazione. La marmitta si, li castra ma non sono paragonabili a un ghisone con la stessa configurazione (parlo di p&p). Ho avuto modo di provare un bel D.56 con un onestissimo 24 e gianelli con collettore endurance, 27/69 e quartino da 20. Sono rimasto veramente stupefatto dall'ottimo rendimento che aveva Grazie per le foto ancor più dettagliate dell'albero In ogni caso, se vuoi restare sul ghisa, resto ferreo sul Malossi. Per i lavori più specifici, lascio ai più 😉 Di certo col ghisone, non avrai problemi nel dover tagliare una parte della chiocciola del raffreddamento ed è un punto a favore
  11. Grandi termiche, grandi lavori. Il plug & play non fa proprio parte di una termica simile Il d.56 o il d.60 a valvola non necessitano di questo lavoro
  12. Il Malossi in ghisa non è secondo a nessuno ma i famosi problemi d'imbrodamento ai minimi regimi derivano dall'alimentazione al cilindro col collettore Malossi ma anche questo è un problema risolvibile grazie ai collettori aftermarket, come l'MRT. Invece l'alimentazione classica al carter non darebbe alcun problema. Questo è proprio il bello di quel cilindro, puoi effettuarci vari step e se avrai in mente di lavorarlo, anche meglio. Come primo passo, vedo benissimo i lavori che hai in mente con l'alimentazione al carter e successivamente, collettore MRT con un bel carburatore generoso al cilindro per tirarne fuori il massimo. Quindi...quotone al malossone Nonostante tutto, se fossi in te, andrei di alluminio 😉 o l'MHR per restare in casa malossi o anche un Quattrini Sulla Primavera, monto un Polini con testa standard e non ha mai sfiatato, ma sarà stata fortuna. In ogni caso, ti riporto la mia esperienza Molto bello l'albero Malossi...spalla d'aspirazione particolare. Non l'avevo mai visto fotografato così bene. Ha dimensioni standard? Prezzo?
  13. Ciao, se non faccio confusione sei quello della vespa PK-S blu col video del restauro su youtube. Gran bel lavoro 😉 Si torna alla ribalta
  14. Questo passaggio mi interessa molto. Mi sembra di scorgere una fresa dalla foto. Ha allargato il foro che ospita il selettore e stop?
×
×
  • Crea nuovo...

Benvenuto su ET3.IT, il Forum delle Vespa da corsa!
Ti auguro buona permanenza su questo sito di veri Appassionati!
Come inizio ti suggerisco di inviare un messaggio di presentazione sul Forum Mugello Park !
Inoltre ti consiglio di richiedere la registrazione su Facebook al gruppo Et3.it - Vespe performanti
Il forum è consultabile anche tramite Tapatalk.
Buona permanenza su ET3.it!