Vai al contenuto

filipporace

SuperMod
  • Conteggio contenuto

    3974
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    155

Contenuti inviati da filipporace

  1. intanto ti consiglio spassionatamente di non ascoltare chi dá fiato alle trombe senza averne mai provato uno. A me non sembra male quell'albero, anzi, anche li una soluzione particolare cioe fornire inserti filettati di diverso peso per eventuali aggiustamenti di equilibratura. Basta non chiedere a loro come utilizzare gli inserti perché non lo sanno e ti rispondono in modo approssimativo. meglio rivolgersi altrui per equilibrare. Cio non toglie che potrebbe comunque essere un buon prodotto.
  2. non saprei....é un po' che giro attorno a sti carter chiederò. Quello che so é che usa cuscinetti con asse maggiorato lato pignone a 25mm. É molto probabile che si debba sistemare un'eventuale albero di altre aziende.
  3. a mio avviso sarebbe da considerare con attenzione anche la spalla da 88. Se lamellare al carter potrebbe essere utilizzabile uno spalle 87, anche se il volume in biella 105 mi pare fin troppo ed aumenterebbe ulteriormente con una spalla più piccola. Facendo invece un lamellare al gt dovrebbe essere più idonea la spalla che crea meno volume possibile in camera di manovella quindi 88. La soluzione che mi piace molto di quei carter é il quadruplo estraibile, sarei mooolto curioso di abbinare un cambio bfa o Faio con cluster scomponibile 3a e 4a (5a) in modo di riuscire ad estrarre e variare solo il rapporto desiderato senza dover sostituire tutto il cluster.
  4. i carter slave Pinasco montano obbligatoriamente albero spalle 88 biella 105 perche hanno il piano appoggio gt più alto di un carter classico Piaggio. Nessun problema con la tenuta meccanica se si usa un'albero di altro marchio purché ovviamente sia in biella 105 e spalla 88 . Usando l'albero Pinasco mi pare si debba utilizzare i pignoni specifici calettati in modo differente. A memoria non so chi produce alberi simili o adattabili....bgm, drt, Falc, Fabbri, Quattrini etc etc penso
  5. si ok, ma non puoi però anche se 100 o 102cc non lavorare i carter. Non va, non si muove, fa pena...anche in corsa 47. Come dicevo o ti accontenti di prestazioni modeste o imbocchi altra via. Vmc o Pinasco in corsa 43 vai di più di un ghisa c51 di scatola....ma siamo sempre li, c'è da lavorare.
  6. tralasciando cosa puoi aver capito.....che per quello che c'è scritto un 55x43 ha più giri di un 54x54 e per come giustamente puntualizzano sono molti i fattori, più influentii, da considerare oltre alla corsa. Affidabilità e prestazioni su un corsa 43: solo se ti accontenti.....nel senso che lo puoi montare Polini o Malossi o Pinasco o quel che vuoi solo facendo il minimo indispensabile, ma fatto con cognizione, ottieni sicuramente un motore durevolo, con prestazioni a mio avviso dignitose. Se già abbino " cazzuto" ad un 100cc o spendi un capitale e rivedi il tuo progetto o c'è il rischio che quello che sembra essere un punto fermo,l'affidabilità, diventi un punto debole della tua rivisitazione.
  7. sebbene sia molto somigliante, se non uguale ad un pistone del m1ld56 ,se devo fare una modicica la vorrei migliorativa. Il risotto con il cioccolato non mi piace😅
  8. nella prima foto mi ricorda il primo Simonini 70x57 ora denominato evo 2 o mini thor. poco avvezzo a noi Italiani é molto conosciuto e diffuso nel nord Europa. Commercializzato appunto adatto a Vespa( 70x60) é in origine un Simonini per velivoli ultraleggeri.....il parente " povero" del thor h2o Polini che ti apre la Vespa in 2 come una mela.
  9. Secondo me il gt più raro ed introvabile é quello utilizzato sulla Siluro Vespa. Nel 1951 utilizzava ( ottenendo il record del mondo di velocita per un 125) 2 cilindri contrapposti 42xcorsa 47 in ghisa raffreddati a liquido....mai visto.
  10. si anch'io farei almeno controllare da un centro rettifica. Anche la grafitatura del pistone é consumata in modo particolare, come se ci fosse una tolleranza poco corretta tra pistone e gt.
  11. non lo sapevo che aveva uno scaricone cosi grande il wforce. Un problema in meno allora👍
  12. ah bon non avevo capito che l'avevi provata e in ogni caso hai provato anche sul cavalletto a vedere cosa succede full gas😂😂La vite non é che se la tocchi non si può più rimettere a posto neh
  13. ma va che zanzara Blaps... ho il terrore di come fate le carburazioni cerco di dire per evitarvi delle grane, Hai presente che se anche é la stessa termica i dati non combaciano? Lop ha rifasato 127 188 altezza banda 1mm biella 100 Raven s32 accensione Sip lamellare mrt camera manovella barenata etc etc.... Poi é Lop...quindi il danno é in agguato e infatti che ti spalanchi sul cavalletto che quando sei in marcia smagrisci ulteriormente? Giuro mi fa paura sta cosa perché é il modo più semplice per rovinare un motore.
  14. non esitare prendila che va benissimo al pari di una m7, una manciata di giri meno, ma ha un regime di accordo più basso della Zirri. Casomai sistemi il pezzettino di collettore interasse 60 scarico 38 che sul wforce non saprei se adattissimo.
  15. si controlla anche il tipo di galleggiante e l'altezza di pescaggio e la valvola a spillo che influiscono sensibilmente su tutta la carburazione. se sei ricco in tutto alle volte é sufficente agire solo sul livello in vaschetta.
  16. no mi spiace non puoi asserire di aver provato e dire che possono andar bene sul motore di Lop perché non esiste un motore uguale all'altro. Anche solo variare di 1° l'accensione c'è da risistemare la carburazione, poi varia a secondo dello scarico, varia in base rdc, a quanto é stato fasato e rivisto il gt incluse le isobariche e a tutta la configurazione dell'aspirazione e la tipologia di quest'ultima utilizzata. Tu puoi affermare che su un tuo motore che avevi a disposizione ciò che hai elencato andava bene o quasi. Metti in sicurezza una carburazione con il getto del minimo? Non credo proprio perche con quel carburatore appena tocchi la manetta del gas e muovi la ghigliottina il circuito del minimo viene escluso. Vhsh metereopatico?....mmmmah, secondo me ti confondi con qualche pwk cinese.
  17. un phbh phbl vhst vi perdonano quasi tutto e con la maggior parte delle configurazioni funzionano, magari poco bene, ma non rimani fermo. Il vhsh é un carburatore da kart che già difetta per circuito di minimo inadatto ad un motore Vespa, una regolazione sbagliata sul circuito di progressione e ciao gt. Sono concorde nel dire che l'erogazione di quel carburatore é meravigliosa, ma bisogna anche mettersi nell'ottica che non é proprio semplicissimo regolarlo al meglio. A me sembra, sottolineo sembra, che già con un phbh sei in difficoltà perché non riesci ad intuire subito se ricco o magro il tratto che manifesta il difetto, a mio avviso con vhsh potresti essere più in difficoltà ancora con l'aggravante che una situazione di magro in progressione ti porta alla rottura.
  18. se hai montato un vhsh e ti sei trovato bene, e sei molto vicino a quella che potrebbe essere una carburazione ideale: perché prima di restituirlo non lo apri e ti scrivi come é settato, in modo da aquistare lo stretto necessario e non rischiare con esperimenti assurdi? Perché senza offesa, su quella tabella ci sono 11 configurazioni 6 sono per tritare il motore 2 forse vanno bene su un gokart e le rimanenti forse potrebbero essere una base di partenza. Blaps.....un programma o un consiglio su quanti giri di vite non l'ho mai visto in 30 anni che faccio il motorista, o meglio ho visto software che riescono a darti una buona approssimazione su spillo getto e polve, ma che vengono abbondantemente smentiti su strada o su banco.
  19. é sicuramente una Falc. Io l'ho provata sul 100vmc e sul Polini evo al gt traversino. Tanta roba
  20. ma sento distintamente commentare al passaggio della giovane pulzella: Belle chiappe😂😂😂, sei un fenomeno Poeta
  21. non credo sia solo l'avere il venturi lucido la differenza, almeno spero. Comunque volendo lucidi qualsiasi carburatore, ci si mette con feltro e pasta abrasiva, con il dremel.
  22. il tratto prima della ghigliottina ha a che fare solo con aria, quindi rendere la superficie più liscia possibile evita attriti e turbolenze che si creano appunto in presenza di rugosità. l'esatto contrario avviene in presenza di miscela dopo la ghigliottina e nei condotti di aspirazione ,cioè la rugosità favorisce quello che viene chiamato strato limite. La superficie trattiene una piccola quantità di miscela che fá da " lubrificante" rendendo il flusso più scorrevole.
  23. filipporace

    Presentazione

    Ciao Fabio, benvenuto. che bella vespetta
  24. cioè? Fino all'altro giorno andavi a puntine se non ricordo male. esiste un faro led che funzioni sia in continua che in alternata e dura anni?
  25. ciao. Per quanto concerne l'aumentare la corsa dell'albero aumentano automaticamente anche le fasi, più quella di travaso che di scarico se non che aumenta anche la cilindrata. L'albero corsa 43 é modificabile a c45 utilizzando uno spinotto di biella disassato che mi pare drt fornisca o almeno lo forniva. Ovviamente l'albero sarà da spiantare e poi richiudere e valutare se saldare.
×
×
  • Crea nuovo...

Benvenuto su ET3.IT, il Forum delle Vespa da corsa!
Ti auguro buona permanenza su questo sito di veri Appassionati!
Come inizio ti suggerisco di inviare un messaggio di presentazione sul Forum Mugello Park !
Inoltre ti consiglio di richiedere la registrazione su Facebook al gruppo Et3.it - Vespe performanti
Il forum è consultabile anche tramite Tapatalk.
Buona permanenza su ET3.it!