Vai al contenuto
scr@mble

Montaggio pompa a depressione su vespa PX.

Messaggi consigliati

Inviata (modificato)

Ciao a tutti,

scrivo sempre poco, ma quando faccio qualcosa che reputo interessante, mi piace documentarlo e condividerlo con gli amici del forum.

Premetto che è una vita che dovevo fare questo passo e che non ne ho mai avuto voglia, ma dopo l'ultima sessione al banco, ci siamo accorti che (malgrado tutti gli accorgimenti che avevo adottato) il motore tendesse a svuotare la vaschetta, per cui il rischio di inchiodare anche la miseria era alquanto reale.

Velocemente, riepilogo i lavori fatti fino ad oggi sul carburatore e sulla linea di alimentazione, convinto di poter evitare la pompa..

Come forse qualcuno saprà, monto il VHSH, che al contrario dei PHBx, ha la presa benzina a destra (guardando la vespa dal senso di marcia) e la cannetta rivolta in alto.

Il primo passo, è stato quello di cambiare completamente la presa benzina (usando il foro sottostante, quello del filtrino) modificandolo e adattandoci un raccordo angolare con un portacanna, in modo da abbassare il battente ed addirittura poter orientare in basso l'ingresso, proprio come nei PHBx.

Vi metto qualche foto per riepilogare e spiegare cosa ho fatto

Questo è il carburatore, come mamma lo ha fatto.

1.jpg

Questo il foro dove alloggia il filtrino, che comunica ovviamente con l'ingresso benzina

2.jpg

E' stato rifilettato e ci ho inserito una curva da con portacanna, tappando la presa originaria.

 

3.jpg

Qui invece un falso montaggio, che fa vedere come monta il carburatore una volta modificato

4.jpg

Per il resto, ho utilizzato un tubo da 8 (ricambio costosissimo moto guzzi) più corto possibile, un rubinetto fast flow ed una valvola spillo da 350.

Naturalmente, anche il foro aria del tappo serbatoio, è stato stuprato, per avere una migliore capacità di respirazione.

Nel tempo, poi, ho spostato la presa benzina sul lato opposto del carburatore, utilizzando (una volta creati i fori) le predisposizioni che ci sono sul corpo stesso.

Foto:

5.JPG

Probabilmente vi ho annoiato, ma era per farvi vedere che tutti questi lavori li avrei potuti evitare, adottando semplicemente la pompa.

Oltre al rischio di svuotamento, la miscela che arriva per caduta, man mano che si consuma, lo fa con un afflusso minore, per cui la carburazione varia e non è certo stabile tra serbatoio pieno o meno.

Ovviamente, essendo io insicuro per natura (ed è pure la prima volta che faccio questa operazione) ho cercato tanto su internet, ma le notizie che si trovano sono spesso contrastanti ed incomplete, per cui ho cominciato a rompere le scatole agli amici, qualcuno utente di questo forum, qualcuno ex utente, con cui siamo ancora in contatto.

Ovviamente ringrazio tutti, per la pazienza che mi hanno dimostrato. ;-)  

Bene: veniamo a noi.

La pompa utilizzata è una classica dell'orto p34 pb2, che ha un ingresso ed una sola uscita; costa circa 40 euro ed eroga 55 litri/ora, che sono più che esagerati per un motore vespa, anche di alta potenza.

Una cosa fondamentale, di cui ribadisco l'importanza, è la necessità di fare il ritorno al serbatoio, per evitare che la troppa pressione generata, vinca la resistenza dei galleggianti, facendo uscire la miscela dagli sfiati del troppo pieno e rendendo il motore incarburabile.

Il suddetto ritorno, va (purtoppo) fatto nella parte alta del serbatoio, perchè è l'unico modo per far funzionare davvero bene il circuito. Si potrebbe fare anche sotto, ma occorre fare in modo che la ricaduta avvenga più in alto possibile e questo (a meno che non si usi un tubo rigido che va fino quasi alla sommità del serbatoio) non è facilmente realizzabile.

Altra cosa importante, sempre per evitare quanto sopra, si consiglia di montare una valvola spillo più piccola (200/250) o perlomeno quella con cui esce di serie il carburatore, cosa che io ho fatto prima di rimontare il tutto e mettere in moto.

Via alle foto:

Mi sono procurato un po' di raccordi, sia a t che ad y ed alcuni "rapidi" per rilsan, un paio di metri di tubo siliconico morbido (per benzina) diametro interno 6 e del tubo rilsan diametro interno 3 da utilizzare per la presa di depressione dal collettore.

10.JPG

Per fare il ritorno al serbatoio, mi sono procurato un raccordo da 1/8 e dei portacanna.

20.JPG

Per realizzare la presa di depressione, è stato forato ed adeguatamente filettato il portapacco lamellare e ci ho avvitato un raccordo angolare ad aggancio rapido per tubo rilsan.

30.JPG

Al posto del tubo originale, sono riuscito a passare il tubo rilsan e la mandata della pompa 

40.JPG

Ho fissato la pompa nella paratia in plastica sotto al serbatoio, utilizzando due silent block, per favorire l'elasticità ed evitare le vibrazioni, che per la pompa sono deleterie, in quanto fanno schiumare il carburante al suo interno.

Magari è meno pratica da ispezionare, però lontana comunque dal motore e senza troppi tubi in giro...  

Per fissare i tubi, ho utilizzato delle fascette metalliche a molla, che ho trovato alla Piaggio di Grosseto....

50.JPG

Dovendo creare il ritorno al serbatoio, ho dovuto obbligatoriamente fare un foro nel telaio, per cui mi sono procurato dei gommini (mi pare siano quelli che si trovano nei px con il miscelatore nel tubo dell'olio)

60.JPG

Ho provveduto a forare il telaio (con grande tristezza) ma se si vuole che il circuito funzioni bene si deve fare così: una y (o una t) e alle due estremità si mette l'arrivo dalla pompa ed il ritorno al serbatoio.

Naturalmente, poi si va al carburatore.

 

70.JPG

Qui, una volta posizionate le fascette stringitubo

90.JPG

Qui il dettaglio del tubo rilsan che dal portapacco con un aggancio rapido va alla presa di depressione della pompa.

100.JPG

Qui si vede l'estrema pulizia del lavoro, che non fa vedere nulla e se si smonta il motore basta sganciare il solito tubo al carburatore ed il raccordo rapido rilsan: tempo tre secondi netti!

110.JPG

120.JPG

Qui, ahimè il raccordo che va inserito nel serbatoio, previa foratura.

SCRIVO IN MAIUSCOLO, PERCHE' DEVO DIRE GRIDANDO CHE IL SERBATOIO NON VA FORATO A CUOR LEGGERO, PENA IL RISCHIO DELLA VITA.

SE ANCHE E' VUOTO, CI SONO I VAPORI ED UNA SCINTILLA, PUO' PROVOCARE UN'ESPLOSIONE.

Io avevo un serbatoio vecchio, che non conteneva più nulla da almeno 5 anni, per cui l'ho forato senza nessuna precauzione.

130.JPG

140.JPG

Sarebbe bello metterlo qui il raccordo, ma ovviamente poi il serbatoio non si inserisce più, a meno di non fare uno scanso nella carrozzeria.

Occorre considerare che poi ci va messo un dado dietro e sarebbe impossibile farlo, dato che non c'e' la possibilità di arrivarci con nessun utensile.

150.JPG

Purtroppo l'unico modo è questo, con il raccordo a pochi centimetri dal tappo, sempre per avere la possibilità di avvitare un dado sotto e bloccarlo.

Non è per niente bello e vi conviene procuravi un serbatoio magari usato, tenendo l'originale da parte.

160.JPG

Detto questo, spero di essere stato utile ed esauriente e se avete domande non esitate a farle.

Qualche pedalata ed il circuito si è pienato, facendo partire il mezzo.

Il tubo di ritorno, ho visto che manda un flusso costante ma non copioso e... insomma: mi pare che tutto funzioni al meglio.

Non ci sono perdite, ne' nel circuito, ne' tantomeno dagli sfiati del carburatore ed il motore funziona bene, senza ingolfarsi.

Ho fatto un giretto e mi è sembrata più "liscia" e guidabile, senza aver perso di prestazioni.

Nei prossimi giorni, spero di poterla provare ancora meglio.

Grazie per la vostra attenzione!

80.JPG

Modificato da scr@mble
  • Like 4
  • Thanks 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Buongiorno Scramble, senza tanti giri di parole è difficile fare meglio. Lodevole la disposizione della pompa in posizione tranquilla e lontano dal motore, un applauso per il tubo depressione a sgancio rapido e il ritorno sulla parte alta del serbatoio. Mi dispiace ma ti copierò senza pietà…..😁

Modificato da Michele PX
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)
19 minuti fa, Michele PX ha scritto:

Buongiorno Scramble, senza tanti giri di parole è difficile fare meglio. Lodevole la disposizione della pompa in posizione tranquilla e lontano dal motore ed un applauso per il tubo depressione a sgancio rapido. Mi dispiace ma ti copierò senza pietà…..😁

Ciao, Michele! 

Mi fa piacere che il mio post ti sia stato utile.

Ne approfitto per cambiare alcune cose e dare un suggerimento per migliorare ancora il lavoro.

Potrei modificare il post originario, in modo che diventi una sorta di "tutorial illustrato" e probabilmente lo farò, per evitare di fare inutilmente il foro nel telaio.

Inizialmente, avevo sdoppiato l'uscita della pompa dopo pochi centimetri con una T, mandando un ramo al carburatore e l'altro al rientro sul serbatoio.

Così: (non fare caso che la pompa era ancora da fissare, da rifinire il tutto e mettere gli anelli stringitubo)

WhatsApp Image 2020-02-04 at 15.22.11.jpeg

Durante il lavoro, ho mostrato questa foto a degli amici, i quali mi hanno fanno notare che così stavo sbagliando e che lo sdoppiamento per il ritorno al serbatoio andasse fatto quanto più vicino all'ingresso del carburatore...

Essendo io poco esperto (e pure poco furbo) invece di provare così, ho tolto la T e mandato un tubo diretto, dopodichè ho fatto il foro al telaio ed ho messo la Y per collegare il ritorno subito a ridosso del carburatore, come si vede dalle foto del primo post....

Niente di più inutile...

Mi mangerei i gomiti... 

La sera, parlando con un altro amico (che lui ne ha fatte di prove) mi ha rimproverato e mi ha spiegato che la prima intenzione sarebbe stata giusta e mi avrebbe evitato il foro nel telaio...

Incazzato come un grillo, il giorno dopo, ho smontato di nuovo tutto, tappato il foro nel telaio e ripristinata la T in uscita dalla pompa....

Inutile dire che il tutto funziona perfettamente e non si deve fare nessun foro....

Ditemi se forse è meglio modificare il post originale....

 

Modificato da scr@mble
  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusa se dico una stronzata, ma se montavi l'Y dentro al vano serbatoio appena dopo la pompa, si evitava di forare il telaio o sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, dany59 ha scritto:

Scusa se dico una stronzata, ma se montavi l'Y dentro al vano serbatoio appena dopo la pompa, si evitava di forare il telaio o sbaglio?

Non dici una stronzata! Dici giustissimo... La stronzata l'ho fatta io!

Purtroppo, come ho scritto sopra, mi era stato detto che lo sdoppiamento doveva avvenire quanto più possibile vicino all'ingresso del carburatore! a pochissimi centimetri...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, dany59 ha scritto:

Scusa se dico una stronzata, ma se montavi l'Y dentro al vano serbatoio appena dopo la pompa, si evitava di forare il telaio o sbaglio?

Ho scritto troppo tardi , non avevo visto che avevi già spiegato il perchè.

  • Haha 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, dany59 ha scritto:

Ho scritto troppo tardi , non avevo visto che avevi già spiegato il perchè.

Ma infatti, mi sa che per questo modificherò il post iniziale, soprattutto per evitare che qualcun'altro segua alla lettera, facendo la mia stessa cazzata!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

noi sui kart lo sdoppiatore lo mettiamo subito attaccato al carburatore ,anche perchè la pompa è vicina ed è quasi più comodo ,forse per questo motivo ti hanno suggerito così ,anzi su un 37 vhsh dedicato non abbiamo messo neanche il T o la Y ,abbiamo sfruttato il tappo del filtro come hai fatto tu per un secondo raccordo e quindi hai ingresso e ritorno sul carburatore stesso

Modificato da claudio7099
  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, claudio7099 ha scritto:

noi sui kart lo sdoppiatore lo mettiamo subito attaccato al carburatore ,anche perchè la pompa è vicina ed è quasi più comodo ,forse per questo motivo ti hanno suggerito così ,anzi su un 37 vhsh dedicato non abbiamo messo neanche il T o la Y ,abbiamo sfruttato il tappo del filtro come hai fatto tu per un secondo raccordo e quindi hai ingresso e ritorno sul carburatore stesso

Si, Claudio, è probabile che sia per questo.

In ogni caso, il funzionamento è identico. Perlomeno sulla vespa mia...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si ,la differenza sostanziale stà nell'altezza del ritorno nel serbatoio ,il tuo è sotto la sella e quindi alto rispetto al carburatore ,mentre sui kart il ritorno sul serbatoio è quasi alto come il carburatore ,quindi nel tuo caso la mandata privilegiata è bassa ,sui kart invece c'è poca differenza di altezza e poi vibra sicuramente di più un kart che una vespa

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, claudio7099 ha scritto:

si ,la differenza sostanziale stà nell'altezza del ritorno nel serbatoio ,il tuo è sotto la sella e quindi alto rispetto al carburatore ,mentre sui kart il ritorno sul serbatoio è quasi alto come il carburatore ,quindi nel tuo caso la mandata privilegiata è bassa ,sui kart invece c'è poca differenza di altezza e poi vibra sicuramente di più un kart che una vespa

Purtroppo non è bello da vedere quel ritorno, ma è importantissimo farlo nella parte alta, primo per il discorso del livello che hai fatto tu, Claudio, poi perchè a farlo sotto, in caso di guasto, il contenuto del serbatoio finirebbe dentro al pozzetto della vespa...

La prossima cosa che voglio fare, è studiare un sistema di rientro che sia più alto possibile, ma meno invasivo alla vista....

Chi ha qualche idea, spari pure....

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, scr@mble ha scritto:

Purtroppo non è bello da vedere quel ritorno, ma è importantissimo farlo nella parte alta, primo per il discorso del livello che hai fatto tu, Claudio, poi perchè a farlo sotto, in caso di guasto, il contenuto del serbatoio finirebbe dentro al pozzetto della vespa...

La prossima cosa che voglio fare, è studiare un sistema di rientro che sia più alto possibile, ma meno invasivo alla vista....

Chi ha qualche idea, spari pure....

Si potrebbe fare il ritorno sul tappo del serbatoio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, dany59 ha scritto:

Si potrebbe fare il ritorno sul tappo del serbatoio.

Si, però è sempre una cosa invasiva... perlomeno a livello estetico.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, scr@mble ha scritto:

Si, però è sempre una cosa invasiva... perlomeno a livello estetico.....

Da me dicono cosi: o salta sto fosso  o basa sto cristo.........morale se vuoi il ritorno o buchi il serbatoio o tappo o non fai il ritorno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, dany59 ha scritto:

Da me dicono cosi: o salta sto fosso  o basa sto cristo.........morale se vuoi il ritorno o buchi il serbatoio o tappo o non fai il ritorno.

😁

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

farlo sotto il serbatoio ma con la cannetta lunga che arriva fino a sopra ,però bisognerebbe saldare o brasare un filetto se no diventa complicato il fissaggio ,a meno che non infiliamo il dado dalla cannetta lunga come facciamo per il rubinetto ,in pratica un secondo rubinetto

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, claudio7099 ha scritto:

farlo sotto il serbatoio ma con la cannetta lunga che arriva fino a sopra ,però bisognerebbe saldare o brasare un filetto se no diventa complicato il fissaggio ,a meno che non infiliamo il dado dalla cannetta lunga come facciamo per il rubinetto ,in pratica un secondo rubinetto

Ma supponiamo che il pieno superi la sommità della cannetta.....che succede??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti per la pulizia del lavoro e grazie per aver condiviso la tua esperienza. Mi viene solo un dubbio sulla presa del segnale pompa sul motore, io non l'avrei messo sul collettore (anche se comodo) bensì direttamente sul carter, in particolare su travaso laterale sinistro così che la membrana della pompa senta meglio le "pulsazioni" interne. Ottima l'idea di fissare la pompa sulla paratia interna 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao e grazie per aver apprezzato il mio lavoro.

Per il discorso della presa segnale pompa, sono d’accordo con te. Sui motori a valvola , vado direttamente sul carter in camera di manovella, perché li il segnale è il migliore che c’è.  In questo caso, però, ho voluto replicare quello che ho visto in tanti motori lamellari e cioè andare a prendere il segnale proprio lì, nel portapacco. Ho pensato che così facendo, ho la possibilità di provare senza fare il foro sul carter. Forando il portapacco, me la sono cavata con un valore di 26 euro e soprattutto ho evitato di riaprire il motore... Sembra che funzioni tutto bene, speriamo di averci indovinato ;-)

La posizione della pompa nella paratia, l’ho vista su internet e mi è piaciuta, perché non è invasiva e sta lontana dal motore, favorendo anche la facilità di montaggio e smontaggio dello stesso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buondì, direi che sei pienamente nel giusto affermando che la presa sul pacco sia comoda e se funziona tutto stai bene, ma se qualcuno dovesse metterla sul lamellare, io sarei più sicuro ancora sul travaso. Il perchè dipende tutto da quanta depressione si crea internamente, e qui è tutto il trucco di un buon lamellare. Se hai molto spazio nocivo dettato da come hai lavorato i carter o da un albero (magari non a spalle piene) o da come è fatto il pacco o dall'insieme di tutto questo ne vien fuori che non hai un buon segnale. Se in fase di assemblaggio già si prevede di forare il travaso e poi tapparlo con una vite casomai non servisse una pompa, secondo me è meglio. Ma ripeto, tanto di cappello al tuo lavoro e se va come deve stai sereno, il mio intervento è solo un monito a chi è in procinto di realizzare una cosa simile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao scramble, chiedo da ignorante se c’è un modo per vedere se la quantità di benzina in caduta sia sufficiente a riempire la vaschetta senza evitare vuoti quando uno gli da giu di gas parecchio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, dademenga ha scritto:

Buondì, direi che sei pienamente nel giusto affermando che la presa sul pacco sia comoda e se funziona tutto stai bene, ma se qualcuno dovesse metterla sul lamellare, io sarei più sicuro ancora sul travaso. Il perchè dipende tutto da quanta depressione si crea internamente, e qui è tutto il trucco di un buon lamellare. Se hai molto spazio nocivo dettato da come hai lavorato i carter o da un albero (magari non a spalle piene) o da come è fatto il pacco o dall'insieme di tutto questo ne vien fuori che non hai un buon segnale. Se in fase di assemblaggio già si prevede di forare il travaso e poi tapparlo con una vite casomai non servisse una pompa, secondo me è meglio. Ma ripeto, tanto di cappello al tuo lavoro e se va come deve stai sereno, il mio intervento è solo un monito a chi è in procinto di realizzare una cosa simile.

Il tuo intervento è giustissimo, molto interessante e da prendere assolutamente in considerazione!

Oltre a consigliarlo a chi si cimenta in questa avventura, non appena riaprirò i carter per qualsiasi motivo, oltre a qualche modifica che ho in mente 😁😁 , farò l'operazione che hai consigliato, tappando il foro che ho attualmente sul portapacco, con una di quelle viti apposite che hanno pure l'oring di tenuta.

Ho filettato ad 1/8 ed ho una serie di raccordi e tappi, dritti ed angolari, per cui posso giocarmela come voglio e fare un lavoro quanto più pulito possibile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Lop1994 ha scritto:

Ciao scramble, chiedo da ignorante se c’è un modo per vedere se la quantità di benzina in caduta sia sufficiente a riempire la vaschetta senza evitare vuoti quando uno gli da giu di gas parecchio?

Ecco: qui purtoppo non so riponderti....

Spero che qualcuno sappia farlo per me!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la depressione-pressione è la stessa sia sul travaso che sul portapacco ,non ci sono controindicazioni ,se sarebbe diversa il motore non si accende ,allora le motoseghe e i decespugliatori non funzionano ,pensiamo agli scooter che prendono la depressione-pressione tra carburatore e pacco lamellare ,secondo queste teorie non dovrebbe neanche accendersi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo RTF.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


kit revisione

Kit revisione per tutti i motori
cuscinetti SKF Paraolii Corteco
officinatonazzo.it/kit-revisione


×
×
  • Crea nuovo...

Benvenuto su ET3.IT, il Forum delle Vespa da corsa!
Ti auguro buona permanenza su questo sito di veri Appassionati!
Come inizio ti suggerisco di inviare un messaggio di presentazione sul Forum Mugello Park !
Inoltre ti consiglio di richiedere la registrazione su Facebook al gruppo Et3.it - Vespe performanti
Il forum è consultabile anche tramite Tapatalk.
Buona permanenza su ET3.it!