Elaborazione 102 dr
5 5

24 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Salve al forum. Chiederei consigli sul perché con la mia configurazione non riesco a tenere una buona velocità in 4.Premetto che peso 95kg. Gruppo termico dr 102 con scarico al 65% fasi 120/173, albero originale hp, carter originali, carburatore dell'orto 16/10rialesato a 16/16,campana 24/72bilanciata,volano e magnete originale HP da 1,4kg.La vespa arriva in terza a 80kmh e poi in 4 si siede e resta fissa agli 80.Anticipo accensione 18 gradi.La vespa è carburata minimo 42,massimo 74,starter 50,filtro senza retina interna,candela nocciola dopo una tirata in terza.Sara' il carburatore piccolo oltre alla mia stazza?

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Carburatore 16.16 piccolo, volano 1.4 kg un po' leggero per quel motore, non hai detto che marmitta è montata, albero originale e travasi originali, fra l'altro i travasi del 102 dr sono letteralmente ridicoli e vanno rivisti per ottenere un passaggio quantomeno decente, poi il cilindro è stato rimaneggiato?  Sono state alzate le luci in canna per variare le fasi?

Unendo tutte queste cose il risultato potrebbe essere scadente.

...........Ma anche la stazza conta😂

Modificato da Clear

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, akrapovic76 ha scritto:

Salve al forum. Chiederei consigli sul perché con la mia configurazione non riesco a tenere una buona velocità in 4.Premetto che peso 95kg. Gruppo termico dr 102 con scarico al 65% fasi 120/173, albero originale hp, carter originali, carburatore dell'orto 16/10rialesato a 16/16,campana 24/72bilanciata,volano e magnete originale HP da 1,4kg.La vespa arriva in terza a 80kmh e poi in 4 si siede e resta fissa agli 80.Anticipo accensione 18 gradi.La vespa è carburata minimo 42,massimo 74,starter 50,filtro senza retina interna,candela nocciola dopo una tirata in terza.Sara' il carburatore piccolo oltre alla mia stazza?

Guarda io con il 102 dr, 19/19, 24/72 ecc. ecc. in 3a arrivo a 50 e poi 4a e via quindi mi sembra un po' strano che arrivi a 80 in terza. Può essere come sostiene Clear che le lavorazioni al cilindro potrebbero aver fatto più danno che utile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Proma marmitta proma.Ho il dubbio che il gt debba essere rettificato perché potrebbe essere spompo.Le luci non sono state mosse.Basetta da mezzo mm ,solo lo scarico e stato alzato fino ai 173 calcolo compreso di basetta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

80 in terza con un dr e un 16/16 impossibile non li fa amanco il blocco malossi 102cc e carburatore 24 lamellare appena fatto con 22/63 80 in terza. Secondo me hai il contachilometri andato e anche parecchio

Modificato da Lop1994

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Sarà il contakm sballato allora . Però fatti due calcoli in 3 a 9000 giri o giù di lì con la 24/72 sei a più di 80 effettivi. Con uno scarico a 175 gradi al 65% cordale e fasatura albero di 160/165 gradi totali non dico 9000 giri ma 8500 sono sicuri .E quindi più o meno ci siamo .Dalla foto dello scarico si vede che ha fatto un bel po' di km.Ho comprato la vespa ed  ho trovato questo gt

IMG_20190709_130506.jpg

IMG_20190709_130454.jpg

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, akrapovic76 ha scritto:

Sarà il contakm sballato allora . Però fatti due calcoli in 3 a 9000 giri o giù di lì con la 24/72 sei a più di 80 effettivi. Con uno scarico a 175 gradi al 65% cordale e fasatura albero di 160/165 gradi totali non dico 9000 giri ma 8500 sono sicuri .E quindi più o meno ci siamo .Dalla foto dello scarico si vede che ha fatto un bel po' di km.IMG_20190709_130454.thumb.jpg.baa9e60f2f0e508f8e2a82894fde0bee.jpg

IMG_20190709_130506.jpg

8500 un dr a 173 gradi forse giu in discesa con pendenza 30%, comunque li avoglia a cercare case quel cilindro se andava a sabbia invece che a benzina aveva meno graffi. Li c’è poco da pensare cambiare subito

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, akrapovic76 ha scritto:

Sostituito oggi 

Con quale termica?Facci sapere come ti trovi.

Se in quarta ti si siede,possibile col carburatore piccolo e il peso non piuma,la cosa più semplice sarebbe montare il pignone da 23,cosi sfrutti tutte le marce.Personalmente vedo difficile fare 9000 giri con la proma e 80kmh in terza con quel gt,ma numeri a parte,il salto tra 3 e 4 del cambio originale si sente e se aggiungi appunto un certo peso e carburatore piccino......anche un 19 o 24 aiuterebbero,assieme al pignone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Sostituito con un Olympia 102 a cui per esperimento ho unito le 4unghiate in un unico travaso  e alzate tutte  alla stessa altezza dei primari a 120gradi.Fasato 175/120 con scarico a  forma ellittica quasi rettangolare  al 67% cordale e squish a 1,3.Devo dire che lo sento molto più coppioso del dr  che ho sostituito.Sara' perche  ho unito le 4 unghiatine in un unico travaso e alzato tutto all' altezza dei primari che la differenza si nota in coppia.A ogni apertura di gas l' erogazione é più brusca,diciamo più pronta, anche in 4 marcia se apro dal tutto chiuso la sento più pronta.ll lancio del frontescarico però non credo sia il massimo però facendo la prova con la acqua del rubinetto a pressione notavo  che la stessa veniva flussata/indirizzata verso il centro della testa zona candela

 A sensazione ha perso un po' di forza in alto ,ma adesso è più godibile, la 4 prende abbastanza bene

Modificato da akrapovic76
  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, akrapovic76 ha scritto:

 ho unito le 4unghiate in un unico travaso 

credo tu abbia fatto una modifica poco simpatica,e' vero che fa i suoi benefici,ma un travaso cosi grande di certo non fa bene alle fascie 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo so, ma era solo per sperimentare .Calcola che in una settimana ho provato 3 gruppi termici. Giusto per vedere il comportamento.Anche perché mi sto rendendo conto che i corsa corta scaldano parecchio e perdono prestazioni.Il prossimo esperimento è un corsa lunga decente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, akrapovic76 ha scritto:

i corsa corta scaldano parecchio

Vero e purtroppo anche quelli in alluminio.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Buono a sapersi che scaldano anche quelli alluminio. Diciamo che è proprio il cilindro/testa corsa corta che non dissipa bene il calore.Hai voglia a cambiare ventola .I corsa corta scaldano troppo a differenza dei fratelli maggiori corsa lunga.Percio' la vespa hp 50, l' evoluzione della vespa 50, montava un cilindro/testa  alluminio di dimensioni simili a un corsa lunga,proprio per dissipare di più il calore.Sui corsa corta ci vorrebbe tipo un cucchiaio,un tubo convogliatore tipo air box delle moto   che dal fondo della vespa prenda aria e la forzi sul gt per raffreddarlo

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dipende, il corsacorta se lo fai per fare bordello in paese il raffreddamento diventa secondario, se ci devi fare strada non lo fai troppo pompato e con i dovuti accorgimenti ci cammini tranquillamente.

Personalmente ho fatto un 102 dr qualche mese fà, 19.19, polini banana, 22/63 DE, tre marce (questo aveva e questo ha voluto che lasciassi montato), lavorato sulla travaseria, raccordato sui carter, fasi originali con piccolo ritocco sullo scarico, sul frontescarico ho unito SOLO le due unghiate centrali e lavorato la finestrella sul pistone in corrispondenza (poca cosa), albero anticipato polini, valvola lasciata originale visto che doveva andare con 19.19, anticipo sui 19 gradi, accensione a puntine (è una R completamente restaurata), volano il suo sul quale è stata tornita la fascia esterna per alleggerirlo un pò, riassemblaggio minuzioso.

Ebbene, ne è uscito un motorello godibilissimo, supera alla grande il salto seconda-terza, pieno in tutta l'erogazione, il proprietario ha fatto fino ad ora delle belle uscite turistiche quasi sempre in due sulla vespa, senza nessun problema, e siamo in Sicilia......40 gradi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Il fatto è che è la voglia di elaborazione di provare che ti fa smontare,montare,provare.Lo faccio giusto per sperimentare e vedere il comportamento del motore alle varie modifiche perché trenta anni fa non c era internet i forum e tante cose che si facevano ai motori si facevano perché c erano le ricette già provate e si andava sul sicuro.Per esempio per  i 130 Polini si montava la 27/69 o la 24/61,proma o Polini banana,19/19 o 24e carter"allargati".Il doppia aspirazione 130 Polini era il massimo desiderio ,il vecchio "181" dove  qualcuno metteva il 30 di carburatore,che per noi adolescenti che avevamo il 19 o 24 era proprio qualcosa di inimmaginabile.Qualcuno modificava gli ingranaggi con  il cambio dell' ape,le crociere del cambio si riparavano (se non erano del tutto consumati le battute degli ingranaggi)con molla e tre sferette,per non fare scappare le marce. Ma il montaggio dei gruppi termici  era tutto plug and play.La maggior parte di noi non conosceva fasature di scarico di travaso, le marmitte da abbinare a determinate fasature di scarico ,accensioni variabili e tutto il resto

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Credo che noi apparteniamo allo stesso periodo, mi ritrovo in tutto quello che hai scritto, cambio modificato con ingranaggi del tre marce ed ape compreso ☺️😉

Solo che da "noi" il 30 lo montavamo già sui "90doppialimentazzzione" 

Modificato da Clear

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, Clear ha scritto:

Dipende, il corsacorta se lo fai per fare bordello in paese il raffreddamento diventa secondario, se ci devi fare strada non lo fai troppo pompato e con i dovuti accorgimenti ci cammini tranquillamente.

Personalmente ho fatto un 102 dr qualche mese fà, 19.19, polini banana, 22/63 DE, tre marce (questo aveva e questo ha voluto che lasciassi montato), lavorato sulla travaseria, raccordato sui carter, fasi originali con piccolo ritocco sullo scarico, sul frontescarico ho unito SOLO le due unghiate centrali e lavorato la finestrella sul pistone in corrispondenza (poca cosa), albero anticipato polini, valvola lasciata originale visto che doveva andare con 19.19, anticipo sui 19 gradi, accensione a puntine (è una R completamente restaurata), volano il suo sul quale è stata tornita la fascia esterna per alleggerirlo un pò, riassemblaggio minuzioso.

Ebbene, ne è uscito un motorello godibilissimo, supera alla grande il salto seconda-terza, pieno in tutta l'erogazione, il proprietario ha fatto fino ad ora delle belle uscite turistiche quasi sempre in due sulla vespa, senza nessun problema, e siamo in Sicilia......40 gradi.

Io dopo aver provato il polini evo 130 e il malossi 102 lamellare ti posso dire con certezza che preferisco di gran lunga il malossi per fare strada tieni una media di 70 orari effettivi a filo gas in quarta senza fare bordello e consumare

il polini oltre a fiammare 5 lt in 70km era ingodibile al piccolo trotto nonostante avesse un rapporto finale piu lungo.

come hai detto tu va impostato il motore per un determinato utilizzo prestazioni alte e affidabilità difficilmente van d'accordo 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)
2 ore fa, akrapovic76 ha scritto:

hp 50, l' evoluzione della vespa 50, montava un cilindro/testa  alluminio di dimensioni simili a un corsa lunga

io proprio a quello mi riferisco anche se il polini era arrivato quasi alla perfezione vedete la differenza col pinasco, scaldava meno

mentre il pinasco, l' unico ancora in vendita scalda.
polini 75.2.jpg

polini 75 alluminio.jpgpinasco_102_ccm.jpg.4778af5a4c3074826a43056d069cbd8b.jpg

Modificato da Alogeno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Si infatti la Polini fece il 75 alluminio che è un signor gruppo termico .Se avessero fatto un 102 in alluminio così sarebbe andato a ruba.A dir la verità questo gt olympia che ho montato con tutte le unghiate in un unico travaso, ho notato che scalda un po' meno dell altro dr che avevo montato . Sarà perché ha più portata e raffredda meglio il lato aspirazione .Il problema resta il lato  scarico e la testa che non e raffreddato bene.I gt corsa corta da 102 sono stati dimensionati per 5,6 cavalli e bassi giri motore . Quando si cercano prestazioni da cilindri nati per pochi giri è normale che questi dissipano più calore.Maggior potenza ,maggior calore 

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io i corsa corta non li considero piu da una vita,dal 100 in su sono solo problematiche di raffreddamento in affidabilita',appena un pelo caldi e perdono meta' della resa,troppa canna cilindro e troppe poche alette,x non parlare dei pistoni leggeri ma magri di spessore che non gradiscono di loro gli strapazzamenti un fuorigiri.x me il corsa corta finisce al 75 (buon rapporto canna/alette/spessore pistone) anche se un non disdegno il 90 (che x un uso non esasperato) tira bene rapporti lunghi.il 75 polini dell'hp era un signor cilindro gia di suo,peccato che nasceva x vespa (su studi scooteristici) e non era sfruttato a dovere sui carter ridicolmente sottodimensionati da vespa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Da quel che ricordo gli unici Gruppi termici corsa corta (montati di scatola)che anche se erano delle stufe,strapazzati in tutto e per tutto con i quali facevamo miscela con olio di motori esausti e non ho mai trovato nè una scaldata su pistone , né delle scaldate/segni evidenti nel cilindro erano solo i Polini sia 112 che 102, anche se i 112 a caldo perdevano il 50%delle prestazioni

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, akrapovic76 ha scritto:

Da quel che ricordo gli unici Gruppi termici corsa corta (montati di scatola)che anche se erano delle stufe,strapazzati in tutto e per tutto con i quali facevamo miscela con olio di motori esausti e non ho mai trovato nè una scaldata su pistone , né delle scaldate/segni evidenti nel cilindro erano solo i Polini sia 112 che 102, anche se i 112 a caldo perdevano il 50%delle prestazioni

Per il 112 polini confermo lo ho sull’altra vespa e quando la uso sono sempre a stecca senza scaldare ne nulla prendo parto e via, fa un po pena la testa fa poca tenuta anche con pasta rossa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Per la testa del 112 si potrebbe provare ad adattare/centrare la testa del 130(usando la cuffia hp )e vedere come va. Non ne ho una sotto mano altrimenti provavo a vedere se poteva andare la modifica.Il cilindro ce l' ho mi manca la testa del 130.Qualcuno ha provato  ad adattarla oppure i fori sono lontanamente compatibili?

Modificato da akrapovic76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
5 5

kit revisione

Kit revisione per tutti i motori
cuscinetti SKF Paraolii Corteco
officinatonazzo.it/kit-revisione