Antiaffondo,freno e ammortizzatore anteriore,consigli per qli acquisti.
1 1

7 messaggi in questa discussione

Salve ragazzi,ho riesumato il mio specialino fermo dal 95,esono contento come un pupo.monto un 111 malossi,27/69,aspirazione lamellare polini,carter raccordati e lavorati.....dal 95 a oggi ediste robache all epoca  potevi solo sognare!!.la frenata anteriore e la ciclistica in genere non sono il massimo sulle vespe!pensavo di migliorare l avantreno,con un kit antiaffondo,e un ammortizzatore degno,cosa consigliano gli esperti?grazie a chi vorra aiutarmi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io simili vespette ne allestisco una all'anno per mio personale svago, lasciandomi dietro noia ed età, ma a 100 all'ora e per meglio planare sul dosso (VESPASURFING) servono ammo degni di nota, anche io dopo una serie infinita di varie marche e prezzi e dopo un bel paio di colpi di frusta ai reni, stanco di rompermi i polsi ad ogni buca colpevole ammo ant troppo rigido o di caderci dentro ammo ant troppo debole, sono corso ai ripari e smonta e rimonta prova e sperimenta alla fine.... vespa assetto pauroso, si guida con un dito e se devo frenare oltre i limiti della decenza su special non dico di riuscirci ma perlomeno ne esco vivo!!!

Come antiaffondo uso il MIO ovvero smonto l'ammo, e sostituisco il gommino di battuta corto con quello di battuta dell'ammo posteriore originale Piaggio, ora non stò lì a menartela due ore con spiegazioni assurde, ma se lo fai avrai il miglior antiaffondo del mondo (ok Poeta è pazzo un cialtrone ecc...)

dietro butta il GAS, quello con PRECARICO REGOLABILE, l'altro a MOLLA ROSSA O ARGENTO e.... comprati un TECNOETRE tra i 24 e i 30 euro, quelli neri brutti da due soldi, ci aggiungi la prolunga superiore ammo post large fram- PX quella più corta in vendita (mi pare 32mm guarda su TONAZZO che le ha mi pare) in caso puoi togliergli anche 5mm con la sega a ferro se ti tocca la marma sottopedana (dipende dalla marmitta che hai ma se alzi dietro alcune marme battono in pedana) insomma capito come e cosa fare copn l'alzo smonta e rimonta, la setti ben altina dietro, ricorda che puoi volendo anche alzare e poi scaricare la molla (il TEKNOETRE ha molla dritta per vespa PXE avviamento elettrico e non quella a botte tipo special è più sottile e monta meglio vicino ai collettori di marmitte racing è più modulare e puoi volendo scaricarla svitando un paio di giri la cupola di carica sopra) scaricandola l'ammo segue meglio la strada, in vero ALZO e SCARICO e molla dritta o a botte richiedono un minimo di cognizione per darti il giusto assetto,  poi dipende dal tuo peso anche, ma pur vero che con 35 euro di ammotizzatore post nuovo ed un gommino avrai risultati in alcuni casi migliori di roba costosissima bella a vedersi quanto ti pare ma che al primo dosso se non ti spacca il telaio ti scalcia in aria come un purosangue da domare!!!

credo tu ci abbia capito poco o nulla.... foto MAI.... quindi vedi tu...

 

 

"... la mia nuova vespetta è velocissima, affronto la lunga curva che dalla Salaria immette ai Prati Fiscali tenendo l'esterno dove l'asfalto è più pulito e valutando bene gomma ed ammo, poche centinaia di metri mi separano dal "dosso" due le opzioni ; o esco ora e subito svoltando per Via Val d'Ala e rinuncio, o proseguo affondo gas e mi butto!!! 

Sono troppo più veloce dei miei pensieri però e con mio stupore l'uscita per Val D'Ala mi sfugge sulla destra, non potendo quindi più tirarmi indietro affondo gas e passo sotto al ponte ferroviario Salario," rivolgendo il mio pensiero al troppo piccolo e dimenticato eroe UGo Forno",  mi accingo ad affrontare il lungo ed impercettibbile dosso posto in piena curva dopo il ponte, eccolo il dosso sò che è vicinissimo seppur invisibile (per un gioco di prospettive e luci), davanti ho strada libera, mai vista strada libera qui di solito è un inferno di traffico che vomita il mondo esterno dentro la metropoli, ma non oggi, non in questo agosto sfolgorato di sole, sono tutti altrove d'altronde ed io sulla mia vespetta estiva ho finalmente strada libera, artiglio dunque con mani di insetto (vespisti sumus) le leve tipo PX, pizzico leggerissimamente la leva sx inducendo la frizione a slittare lunga per meglio accompagnarmi oltre il dosso, i gomiti sollevati, i piedi puntati in pedana uno avanti ed uno dietro da ottimo surfista, leggermente inclinato a favore di curva perdo peso e mi rendo leggero come piuma, eccomi, la vespa plana sul dosso senza scossoni  al pari di una filante tavola da surf sull'onda lunga, l'avantreno è impercettibilmente sollevato forse 1-2 mm da terra ma il posteriore è ben saldo all'asfalto e ne segue ogni singola pietruzza del bitume, (mi sono superato quest'anno con il settaggio dico tra me e me), mentre  sono in curva totale a velocità folle contro ogni legge della fisica!  Plano e riguadagno terreno con l'anteriore che non si scompone affatto tiro un paio di gradi ancora giù il telaio con le spalle per evitare di perdere l'unica traiettoria possibile mentre i polsi caricano verso il basso l'avantreno ritrovando l'aderenza perduta,  tutta la quarta è allora scaricata nel silenzio dell'assenza, solo la mia marmitta fà un baccano terribbile vomitando gli oltre 9000 giri che ha in pancia , quando.... un semaforo sul ROSSO mi riporta alla reltà della strada e mi costringe a frenate impossibili per i due piccoli tamburi, eppure anche stavolta davanti non affondo ed ho sempre tra le mani e nella leva dx un millimetro di flessibilità che mi evita di scompormi, la piccola furia bianca si arresta sulla linea bianca mite come non avresti mai creduto un solo attimo prima, il battito regolare e cardiaco di un minimo perfetto è accompagnato dal coro ipnotico di Cicale distratte su Platani secolari (i platani di Via dei Parti Fiscali sono piante monumentali) . Nel box la piccola vespetta bianca emana calore e sudore, mi piace l'odore di una marma nuova che si brucia e dell'olio di qualità ma forse mi dico son troppo vecchio, troppo malato, troppo alto per simili sciocchezze! Così mi rimprovero per questo mio solito azzardo sul dosso mentre carico sulla wagon la mia tavola e parto per la spiaggia, nessuna onda in agosto nel mare placido di OSTIA, verranno forse ad ottobre con le prime mareggiate, la bandiera rossa allora sventolerà tesa schioccando la sua tela strappata ma il mare a mio dire non sarà mosso, ma solo stupendo con quel suo color piombo nel celo grigio che tanto bene si intona ai miei capelli o a quel che di essi ne rimane, questo è un mondo in bianco e nero e non conosce catalyzzatori, personal computer e smartphone, un mondo fatto di vento e miscela, il mio mondo, mai veramente piccolo, mai veramente antico.".

 

VESPASURFING

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cosi tra anteriore e posteriore lo specialino non diventa troppo alto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

alzi in vero solo dietro e le VESPETTE ed ancor più i VESPONI dietro sono sempre un pochino Proni bassi scesi....

si nota quando il conducente è troppo pesante o si è in due che il motore quasi scompare dentro la scocca.... rifermento principale le alette del carterino coprivolano.... 

 

quindi la vespa in marcia rimane coricata e la pedana spesso non è nemmeno parallela al terreno....

 

ora, il senso della cosa è che alzando la vespa dietro ti rimane più orizzontale, per altro cambia un minimo l'angolazioen del cannotto di sterzo e la guidabilità migliora,  davanti non alzerai nulla, il tampone di battuta lungo dell'ammo posteriore infatti non ha funzione di alzo, ma solo quella di battuta, infatti il gommino montato in origine è troppo corto e non ha alcuna fuinzione!!! Il nuovo tampone poggerà prima ed avendo sezione conica opporrà all'affondamento tanta più resistenza tanto più forte sarà l'affondo, in pratica più aumenta la compressione più lui si comprime opponendois all'affondo, non ha quindi la mera funzione di impedire che le spire della molla battano in fine corsa tra loro, ma è parte integrande e di supporto alla molla stessa!

Avrai vedrai risultati INCREDIBILI, ma dove tu possa trovare il tampone fine corsa ammortizzatore posteriore... vedo se trovo qualcosa....

Risultati immagini per tampone ammortizzatore posteriore vespa   trovato è questo.... si infila ovvio sullo stelo dell'idraulica dell'ammortizzatore anteriore no-problem...

Modificato da poeta
  • Thanks 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie caro,consigli preziosi.....grazie poeta.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro poeta.....ma la prolunga del px da mettere sul ammortizzatore posteriore sei sicuro sua da 32 mm?io ne ho trovate da 26 o da 52 mm....hai sbagliato a scrivere tu o a cercare io?grazie....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
1 1