Ponte a Diodi KBPC3506 invisibile per luce 12V a LED? AIUTO!!!!!
3 3

5 messaggi in questa discussione

Allora, classico 130cc con accensione sei poli PK XL a tre fili installo telaio R L N e Special....

Ok potrei certo usare il raddrizzatore tipo PX o uno più piccolino da 30 Watt nel sotto vaschetta o da quelle parti del pozzetto come al solito.... e già fatto,

3405 - REGOLATORE DI TENSIONE 3 POLI VESPA 50 PK S - 125 PK XL - PK S AUTOMATICA

ma... mi viene una idea e..... se usassi il ben più piccolo  (ponte a diodi KBPC3506) comunemente usato sulle VBB in sostituzione di quello a laminedetto a semionda antiquato ed inaffidabile,  parlo di questo:

image.jpeg.46780f3461cddd5637025de6626cc5f8.jpeg

 

 

 

 

 

in fin de conti è piccolissimo.... cerco quindi un posto dove posizionarlo e penso subito che devo raffreddarlo e secondo renderlo invisibile, alla fine lo posiziono dentro la cuffia in plastica copricilindro subito sopra la SCATOLA COLLEGAMENTI BT allego foto per capirci meglio.....

 

 

 

diodo.jpg.9ec9eefcfd3ffa320bb81e51db0c315d.jpg

tdCwftAuQ_ms-MP3NxlBQUM5z36fcQxLFNR9tVuyPBMEuCscv7ABOEH0q6W-Hs0m_2osSnx5M2zq8hyNPRM3E0BDPviVjbCE_TnvZBjJMqXW6ihkXVQkX0dOrEKdgdOLseoKhfatSedokuq7M0NTtjTWz-35YL34uUEoND97rKinfQxGK9xD2NYQs4vjH_5PJ589WOWnJxZSxAalzu8M3FVRir6qD_no7_y6oIWay69C1dv5SOi2eCK10M8VxOoniNymk0XrzYeaKctdSXukiS45zWFxO9QvUvCggTquqr2-5DYY4S_PrtnYpOIsyx0H769O7EpwP7fxj4J06Ee97QX_hVyx8iW1oM2vfpW3b_rg1zhGw2L5InsQnV2ZcXY9fgM6mnz2seg8JK6e6W2-ViMxxVNcqW4EskdHfvVadp4hHPnAps7F4GECeJwVO3rzb5b6tIDpCTSkQFtD1hupRIUJ-PSu6dDFaq4-_6Yyy6rhZJjj3wqgR32ZigxaAgita_d1p0nDhTqq8H_XhDjYlMPqG3n5NPU6oJD40OcOh4SLmixmZW2DdeuPQFcJxcjsFVF_kznkU8hQkjZa_UW-oCIWUWCzZiJNdba7wBQkn4sOUzMnYCww5GuqqOZ_DkX2DTveJcyhfPmDGclEMYWBofRj=w876-h657-no

Il filo luci BLU dello statore l'ho mandato al PUNTO GIALLO del Diodo in foto sopra (uno dei due), la corrente esce poi dal ROSSO che ho dirottato direttamente alla lampadina da 21W 12V per verificarne stabilità ed intensità, ad occhiometro è praticamente fissa al variare dei giri motore quindi molto, ma davvero molto stabile e fà una buona luce quindi credo che 22 W e qualcosa li tira fuori dico bene???!!!

In fin dei conti si tratterebbe di alimentare lampade da circa 15W 12V tipo quella del KIT (alogena + faro lenticolare BOSATTA) per specialina a cui aggiungere la 5Watt fanalino posteriore null'altro!

s-l1600.jpg

O.. in caso potrei montare anche una LED sul faro anteriore tipo la "1Pc H4 18W 3COB faro per moto LED lampadina a fascio alto/basso 12V Super Bright" qui sotto?

 

s-l1600.jpg

 

Dico CAVOLATE o sono sulla buona strada?

Il PONTE A DIODI insomma la continua che esce dal ROSSO posso utilizzarla anzichè per una batteria come sulla VBB VNB1, per alimentare una lampadina?

Come si vede nell'ultima FOTO IL TUTTO mi garberebbe non poco in qunatè INVISIBILE ed il PONTE a DIODI qualora scaldasse è posizionato proprio nel condotto di scarico dell'aria della ventilante quindi sempre sotto ventilazione forzata, l'ho toccato e rimane praticamente freddo, ma sul cavalletto non credo sia un buon test, basterà come raffreddamento?

diodo q.jpg

Ho Trovato una soluzione inattesa come l'antiaffondo Poeta oppure invece NON si può fare e si cela qualche inghippo?!

 

AIUTOOOO!!!!!

 

Risultati immagini per linus era una notte buia e tempestosa

 

 

 

PS:     130 Polini spianato, travasi aperti fase scr 185° travaso 128° fase albero 122-60, ammiss valvola su carter tre fori PK foro valvola con cornice da 1,5 mm per bordo, condotto realizzato con riporto di materiale e raccordato ad uso di collettori 28-30mm, (allestito ora con modesto 19-19 shbc min 45, saracinesca n°3, max 90 + air box POlini 5 fori), marmitta nativa Simonini D&F, (ora con siluro SITO e fondello forato),  provato ieri su Vespa Special priva di motore perchè lo stò rifacendo (o meglio ho già fatto e montato oggi stesso), non ricordo nè rapporti nè frizione usata, però bella la leva sinistra ed il cambio precisissimo!!! Se l'ettricità è OK così, lo setto spinto (marma e carburo degni di tanta travaseria) e lo rimonto su una delle mie "vespette" bisognose di aria dopo secoli di abbandono in sempre freddi e buii garage, torneranno quindi alla luce, ma... serve luce sule starde del domani per circolare nella notte buia e tempestosa!!!

 

 

 

 

FARI NELLA NOTTE.

 

 

Modificato da poeta
correzioni
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me con solo il ponte diodi funziona ,ma è sempre in dc ma variabile e potrebbe benissimo superare i 12 volt ,il regolatore invece non dovrebbe superare i 12-13 volt in alternata ...........si potrebbe lasciare il suo regolatore a 3 pin originale e mettere nel manubbrio o nel nasello il ponte diodi per raddrizzare la tensione solo per le luci,ma occhio alle masse deve lavorare tutto na(normalmente aperto) quindi và separato il clacson sul devio 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il ponte diodi  assieme ad un condensatore   raddrizza  ma non stabilizza ed ha anche una sua caduta di tensione. Va bene come nel caso della foto (faccio un esempio non preciso ma che dovrebbe rendere l' idea) se abbiamo un trasformatore che ci dà 12v FISSI in alternata e ci applichiamo il circuitino sotto riportato ai capi troveremo una tensione in continua sicuramente più bassa anche di 1v (dipende dalle caratteristiche dei diodi , nel ponte ce ne sono 4). Nel caso della vespa che a seconda dei giri che diamo varia la corrente quindi  otteremo una corrente si in continua ma ballerina. Poi come ti hanno gia detto avresti il problema delle masse. Più o meno dovrebbe essere così 

Screenshot_20181224-092306_Google.jpg

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, poeta ha scritto:

Come si vede nell'ultima FOTO IL TUTTO mi garberebbe non poco in qunatè INVISIBILE ed il PONTE a DIODI qualora scaldasse è posizionato proprio nel condotto di scarico dell'aria della ventilante quindi sempre sotto ventilazione forzata, l'ho toccato e rimane praticamente freddo, ma sul cavalletto non credo sia un buon test, basterà come

per come la vedo io quello é il posto più infelice per mettere un ponte di diodi.

intanto appunto essendo sotto lo sfogo del raffreddamento ad aria forzata, che nella rotazione si é già abbondantemente scaldata, lo vedo poco probabile sia freddo....

inoltre é un "posto" soggetto a sporcizia e olio e acqua in caso di pioggia oltre che scomodo per eventuali aggiustamenti o cablaggi vari.

Poi: ma come una valvola con un passaggio per il 28 con il 19? 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
3 3