Vai al contenuto
Qhibli

Che albero per un 166 malossi

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, come da titolo dovrei montare un albero anticipato dato che l'originale è andato. Sono indeciso se prendere Mazzucchelli o Parmakit. Cosa mi consigliate? Grazie

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Tra i due che hai citato, Mazzucchelli senza dubbio!
Grazie

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Parere dettato dal fatto che mazzucchelli produce alberi di qualità... poi che siano più o meno anticipati è un altro discorso ma che il materiale sia di primo livello secondo me non si discute... parmakit come alberi invece non li conosco...

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/3/2018 in 14:34 , pulun ha scritto:

Maazucchelli usa per i due semialberi un acciaio più tenero di altri. Io opterei per un Tameni fase standard e lo lavorerei per ritardare l'aspirazione, oppure per un BGM così com'è.

Se prenderai il Mzzucchelli, evita quello ritardato perché lo è troppo per il tuo motore e scegli quello a fase standard (che costa anche meno), provvedendo tu a lavorarlo sul ritardo di circa 15mm e a riequilibrarlo a ore 12.00 tramite asportazione di una parte del contrappeso dalla parte opposta, sul semialbero lato volano. In tal modo otterrai buone prestazioni e un'erogazione pulita. Un ritardo maggiore in aspirazione migliora la potenza massima, ma costa caro in termini di fruibilità del mezzo: appena lo fermi a caldo tende a ingolfarsi, non prende il gas ai bassi regimi e può indurre a cercare carburazioni pericolosamente magre per risolvere il problema.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mahhh... io monto un mazzucchelli anticipato su carter px 150 arcobaleno elestart e solo squadrando la valvola senza allungarla ho una fasatura di 112/62... che non mi sembra poi molto... infatti limerò un pochino il mazzucchelli per arrivare a 115/65...
Poi su Tameni niente da dire ma la ditta ahinoi ha chiuso e quelli che si trovano in giro sono solo fondi di magazzino... a sto punto se uno ha già la valvolona lavorata e allungata per non salire troppo coi valori di anticipo e ritardo giusto prendere un albero simil originale e lavorarlo al bisogno... tipo il mazzucchelli... che avrà si l'acciaio più tenero degli altri ma non so come mai tenga così bene la centratura... mistero...

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quoto alla grande Pulun, io ho il mazzucca anticipato sul malossino e problemi non ne ha dati.

Su carter pxe prima serie no mix ho misurato 110/62 di aspirazione senza toccare la valvola, poi lavorata solo sul ritardo per portare a 118 (ho seguito le istruzioni malossi).

Aggiungo che ho provveduto a tagliare un pezzetto di contrappeso lato volano per raggiungere l'equilibratura statica a ore 12 e devo dire che rispetto a prima le vibrazioni sono diminuite.

 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Tondo68 ha scritto:
Il 25/3/2018 in 14:34 , pulun ha scritto:

Un ritardo maggiore in aspirazione migliora la potenza massima, ma costa caro in termini di fruibilità del mezzo: appena lo fermi a caldo tende a ingolfarsi, non prende il gas ai bassi regimi e può indurre a cercare carburazioni pericolosamente magre per risolvere il problema.

Non capisco come mai io con 118 di anticipo e 72 gradi di ritardo non riesce ad ingolfarsi, ne col Si24 , ne col si20. (cilindro 177 Magny Cours). Boh... Misteri...

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

 

 

Il Mazzucchelli io lo uso comunemente, ma in vero come dicono anche Tondo (inchino) e Pulunn la versione anticipata lo è in vero troppo!

poi c'è la solita ambiguità perchè l'albero anticipato in vero è tagliato a ritardare e quindi è POSTICIPATO in realtà....

il tuo però con ben 72° di posticipo và bene....

si spiega forse che sei magro ai bassi e stretto di travaso....

DIREI che FASI tipo 120-55 mettono al riparo un pò da tutto e danno ai ghisa standart la giusta prestazione, quindi grossomodo se si raccorda una travaseria generosa come quella già grande del 166 Malox MkII conviene agire solo allungando la valvola "squadrandola" in modo da ottenere all'incirca 118-52... o anche 175-60 o robe simili, senza adottare cioè un albero anticipato....

per il getto del minimo sulla modifica, direi mai più piccolo di:

-sul 20-20 un 50-160

-sul 24-24 un 55-160

-sul 26G 50-.100

-sul 26-26 50-140

se invece si adotta un albero anticipato (ovvero posticipato) ed anche molto come il Mazzucchelli evitate  di toccare la valvola.

L'ideale sarebbe la via di mezzo, misurare  e lavorare la valvola in base a quanto misurato con l'albero di prova e poi abbinando calcoli ecc... trovare la fase perfetta di 120-55/60 lavorando ad Hoc...

Io personalmente preferisco una vavola squadrata e allungata nonchè strombatura della stessa ad allargarsi parecchio verso l'interno del carter, (Tondo non approva 100% ma a me piace proprio come lavoro da farsi)....ed un albero solo un pelo posticipato (dato che non si può anticipare perchè c'è lo spinotto del piede di biella lì vicino), così da non SQUILIBRARLO poi troppo (più sono anticipati più di solito sono squilibrati)....

Andrei quindi di albero Jasil anticipato valvola allungata solo  verso la bobina di 3-4 mm

a seconda del motore e di varii fattori stimo la fase risultante sui 118-58 grossomodo

carburatore 20-20 minimo 50-160 max da 122 con cono polini e coperchio Pinasco

frizza otto molle pignone da 21 NEWFREEN renforced con espansione o robe simili tipo sip Road

frizza otto molle pignone da 22 se marma Polini original's

volano quale che sia LML o Piaggio elestart privato di ghiera (2 Kg) se avv elettrico 2,2 e sei Ok.

Solo accesione PXE ovvio o migliore.

Modificato da poeta
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio tutti per le risposte. Ho optato per quello Mazzuchelli anticipato o meglio posticipato. Tra oggi o domani mi arriverà.

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
Il Mazzucchelli io lo uso comunemente, ma in vero come dicono anche Tondo (inchino) e Pulunn la versione anticipata lo è in vero troppo!
poi c'è la solita ambiguità perchè l'albero anticipato in vero è tagliato a ritardare e quindi è POSTICIPATO in realtà....
il tuo però con ben 72° di posticipo và bene....
si spiega forse che sei magro ai bassi e stretto di travaso....
DIREI che FASI tipo 120-55 mettono al riparo un pò da tutto e danno ai ghisa standart la giusta prestazione, quindi grossomodo se si raccorda una travaseria generosa come quella già grande del 166 Malox MkII conviene agire solo allungando la valvola "squadrandola" in modo da ottenere all'incirca 118-52... o anche 175-60 o robe simili, senza adottare cioè un albero anticipato....
per il getto del minimo sulla modifica, direi mai più piccolo di:
-sul 20-20 un 50-160
-sul 24-24 un 55-160
-sul 26G 50-.100
-sul 26-26 50-140
se invece si adotta un albero anticipato (ovvero posticipato) ed anche molto come il Mazzucchelli evitate  di toccare la valvola.
L'ideale sarebbe la via di mezzo, misurare  e lavorare la valvola in base a quanto misurato con l'albero di prova e poi abbinando calcoli ecc... trovare la fase perfetta di 120-55/60 lavorando ad Hoc...
Io personalmente preferisco una vavola squadrata e allungata nonchè strombatura della stessa ad allargarsi parecchio verso l'interno del carter, (Tondo non approva 100% ma a me piace proprio come lavoro da farsi)....ed un albero solo un pelo posticipato (dato che non si può anticipare perchè c'è lo spinotto del piede di biella lì vicino), così da non SQUILIBRARLO poi troppo (più sono anticipati più di solito sono squilibrati)....
Andrei quindi di albero Jasil anticipato valvola allungata solo  verso la bobina di 3-4 mm
a seconda del motore e di varii fattori stimo la fase risultante sui 118-58 grossomodo
carburatore 20-20 minimo 50-160 max da 122 con cono polini e coperchio Pinasco
frizza otto molle pignone da 21 NEWFREEN renforced con espansione o robe simili tipo sip Road
frizza otto molle pignone da 22 se marma Polini original's
volano quale che sia LML o Piaggio elestart privato di ghiera (2 Kg) se avv elettrico 2,2 e sei Ok.
Solo accesione PXE ovvio o migliore.
Ciao, da quel che ho capito col mazzuchelli posticipato non devo toccare la valvola ma solo squadrarla giusto? Configurazione: 166 malox, Carburo 20/20 con getti malossi, rapporti (per il momento originali del 150 px '04) marmitta sito; carter ne ho un paio raccordati e un altro paio che mi hanno regalato fiammanti non so se raccordarli o montarli p&p visto il pistone abbastanza generoso.

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@500

Se l'albero è molto flussato, tipo il Pinasco, e poi equilibrato, il volume in più limita molto irregolarità di funzionamento ai bassi e imbrodature, però diminuisce l'elasticità, ovvero il motore perde potenza ai medi e bassi regimi. Inoltre 177cc sono più di 166: minore è la cilindrata, più il ritardo in aspirazione disturba :-)

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, Tondo68 ha scritto:

@500

Se l'albero è molto flussato, tipo il Pinasco, e poi equilibrato, il volume in più limita molto irregolarità di funzionamento ai bassi e imbrodature, però diminuisce l'elasticità, ovvero il motore perde potenza ai medi e bassi regimi. Inoltre 177cc sono più di 166: minore è la cilindrata, più il ritardo in aspirazione disturba :-)

Ciao non avendo intenzione di toccare minimamente un albero nuovo, quali sarebbero le conclusioni, cosa dovrei fare?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ovviamente eliminerò ciò che in una Vespa degna di questo nome è superfluo, ovvero: motorino d'avviamento con relativa corona dentata del volano, e il miscelatore. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Poeta io faccio parte di quelli che crede che la superficie della finestra della valvola non debba essere maggiore di quella del diffusore del carburatore ergo un SI 20/20 è circa 314mm2 e le valvole moderne cioè dall'arcobaleno elestart in poi basta squadrarle e arrivano sui 315/320 quindi tenere il 20/20 e allargare la valvola sono due cose che secondo me non vanno d'accordo... c'è anche chi dice che la valvola dovrebbe essere un poco più piccola del diffusore ecco perché si potrebbe montare il neonato SI 22 su una valvola solo squadrata, anche se la sezione del condotto della valvola senza asportare quintali di alluminio è comunque a clessidra e quindi io farei che la superficie della valvola va bene quando uguale al diffusore per non creare "tappo" più che "imbuto"... ok che un albero troppo posticipato anticipato e quindi alleggerito non va bene però io direi che bisogna dare un colpo al cerchio e uno alla botte quindi... ognuno tragga le sue conclusioni.

 

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, poeta ha scritto:

si spiega forse che sei magro ai bassi e stretto di travaso....

Sbagliato. So quando è grassa o magra al minimo.

14 ore fa, poeta ha scritto:

DIREI che FASI tipo 120-55 mettono al riparo un pò da tutto e danno ai ghisa standard la giusta prestazione

Effettivamente si ha un bel motore coppioso senza potenza in alto. Giusto per le scampagnate.

14 ore fa, poeta ha scritto:

per il getto del minimo sulla modifica, direi mai più piccolo di:

-sul 20-20 un 50-160

-sul 24-24 un 55-160

-sul 26G 50-.100

-sul 26-26 50-140

Che regola sarebbe questa? Ogni motore vuole il suo minimo.

Su TUTTI i motori 177 fatti da me , col SI20-20 sempre usato un 48-160. Quelle volte che ho provato col 50-160, si ingolfava la vespa lasciandola troppo tempo al minimo, o per riuscire a pulir bene la carburazione dovevo star magro di massimo.

E con i SI24 l'ottimale lo trovo col 50-160.

Quindi la regola che tu dici " con quel carburatore mai un getto più piccolo di..." è una tua regola soggettiva, ma che non ha senso.

14 ore fa, poeta ha scritto:

se invece si adotta un albero anticipato (ovvero posticipato) ed anche molto come il Mazzucchelli evitate  di toccare la valvola.

La valvola ho imparato a lavorarla in base al diametro carburatore, non in base all'albero che si ha.

14 ore fa, poeta ha scritto:

volano quale che sia LML o Piaggio elestart privato di ghiera (2 Kg) se avv elettrico 2,2 e sei Ok.

Solo accesione PXE ovvio o migliore.

Almeno qui andiamo d'accordo. :mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

vero il 50 di getto al minimo è eccessivo nel 90% dei casi,

è invece fondamentale su termiche da 177cc ben sviluppate abbinate a marme ben libere capaci di molti giri, in questi casi và usato non tanto per la pulizia ai bassi o la regolarità del minimo, ma piuttosto per evitare, nelle chiusure più brusche del gas, eccessivi pericolosi smagrimenti (grippaggi a gas chiuso) infatti il getto quale che sia non è tanto proporzionale alla cilindrata in sè ma piuttosto alla forzaed alla rapidità della aspirazione, un banale 125 originale con un conetto/cornette al posto del filtro aria ed una semiespansione potrebbe esigere di minimo un getto che nemmeno un 177 digerirebbe, ed un max davvero spropositato! Quindi è l'insieme che determina il setting....

 

ma verissimo sul 20-20 il min da 50/160 è certo grande nella maggior parte dei casi. 

 

Per il resto rileggendo.... diciamo in vero cose simili, ben riassunte nell'intervento di Tondo, che si rivela al solito preparato, chiaro e grammaticalmente perfetto!

 

 

Modificato da poeta
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Qhibli ha scritto:

Ciao, da quel che ho capito col mazzuchelli posticipato non devo toccare la valvola ma solo squadrarla giusto? Configurazione: 166 malox, Carburo 20/20 con getti malossi, rapporti (per il momento originali del 150 px '04) marmitta sito; carter ne ho un paio raccordati e un altro paio che mi hanno regalato fiammanti non so se raccordarli o montarli p&p visto il pistone abbastanza generoso.

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
 

Tutto giusto ma spendi ancora qualche euro e metti un pignone da 22 denti al posto del 21, io ti consiglio la frizione a 6 molle composta da campana originale con anello rinforzo, molle e bicchieri pinasco 3 dischi piaggio e appunto il pignone da 22 denti.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

piccolo o.t

Secondo voi la polini original è troppo chiusa? potrebbe essere quella che mi fa murare a neanche 6500 giri in IV? (malox 166, si 24 con filtro, accensione piaggio elettronica, albero 118/62, tutto raccordato, 23/68) 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I fattori che influenzano il rendimento di una marmitta sono due: il regime di accordo (o intonazione) e la capacità volumetrica, ovvero il volume di gas che è in grado di espellere a parità pressione e temperatura.

Venendo al caso specifico, la padella Polini è un'ottima semiespansione che ha un regime di accordo bassino e che quindi enfatizza il rendimento ai regimi medi: si sposa a meraviglia con con gruppi termici fasati alti di scarico, dei quali è in grado di addolcire il carattere, senza mortificare troppo gli alti regimi. Ottima, per esempio, con il vecchio 210 Malossi, che ha poco travaso e tanto scarico.

Quanto alla capacità volumetrica, la padella Polini è piuttosto chiusa, ma con il 166 Malossi va benone se monti il carburatore Si20. In questo caso a penalizzarti non è la capacità volumetrica ma il regime di accordo.

Ricetta: aumenti di 5° la fase di scarico e lasci tutto cosi; oppure, oltre ad alzare lo scarico, monti anche il Si24 e sostituisci il cannello di uscita della marmitta con uno di pari lunghezza ma di diametro interno da 18 o 19 mm. Se, a cose fatte, vuoi riprovare il cannello stretto, ti basta farci un forellino e avvitare una vite di traverso che ne riduca il lume.

Prima di fare alcunché, verifica bene le fasi e soprattutto il rapporto tra fase di travaso e fase di scarico, per scegliere se toccare solo lo scarico o se inserire anche uno spessore alla base del cilindro (e in questo caso lavorare meno lo scarico).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, anafestico ha scritto:

Secondo voi la polini original è troppo chiusa? potrebbe essere quella che mi fa murare a neanche 6500 giri in IV? (malox 166, si 24 con filtro, accensione piaggio elettronica, albero 118/62, tutto raccordato, 23/68) 

La Polini Original l'ho acquistata e montata proprio ieri perchè mi mancava da testare.

Diciamo che è una buona marmitta da coppia ma comunque dotata di buon allungo rispetto ad una padella originale.

Testata sul mio motore laboratorio ( Magny Cours 177, albero "anticipato" e si20) , riesce ad allungare a circa 7600-7700 giri nelle prime tre marce. Stesso allungo dell'altra padella da me provata che è una BGM Touring. 

@anafestico, 6500 giri in quarta? E nelle altre marce? O non tira la quarta o mura. Ma se mura a 6500 giri anche negli altri rapporti, NON è un problema di marmitta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Tutto giusto ma spendi ancora qualche euro e metti un pignone da 22 denti al posto del 21, io ti consiglio la frizione a 6 molle composta da campana originale con anello rinforzo, molle e bicchieri pinasco 3 dischi piaggio e appunto il pignone da 22 denti.
Il pignone per il momento lascio il suo, l'anello l'ho fatto saldare è ok

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao è arrivato l'albero, nelle istruzioni mazzuchelli c'è scritto che il volano non deve superare 1.6 kg, vale solo per le small con albero cono 19 o anche per le large nel caso di un px del 2004?

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

X QHIBLi....

letto cosa hai ti dico ciòche manca ed avrai dunque la mia di ricetta...

 

  1. allora il MALOX 166 DEVI RACCORDARLO, in quanto OGNI MODIFICA CHE SI RISPETTI DEVE AVERLI RACCORDATI,  in primis e poi anche perchè i travasi del 166 sono un pò anomali e molto spostati rispetto a quelli tipo POLINI e PARMACICCIA indispensabile dunque raccordarli, scegli tu il carter da usare valuta in base al discorso cuscinetti e (COMPATIBILITA' ALBERINO DEL QUADRUPLO-ingranaggio parastrappi), probabile i tuoi attuali carter siano più facili.
  2. visto che raccordi i travasi sui carter a quelli del cilindro (anche solo usando la guarnizione di base del kit), squadra la valvola; come fare? (famola semplice, usa una bella lima quadrata del BRIKO da 4 euro circa, insisti sulla parte tonda della finestra stando ben attento a non rovinare la tenuta, squadra solo e sei a posto, ovvero non allungarla verso il cilindro POSTICIPO nemmeno di 1mm ed in caso se proprio ti scappa la lima allungala solo 1mm o poco più verso l'ammo post ANTICIPO, quindi in sostanza NON POSTICIPARNE LA CHIUSURA essendol'albero MAZZUCCA molto posticipato già di suo.
  3. carburo 20-20 ok.. per assurdo un carburo stretto tira meglio con una padella semi espansa e poi se TONDO consiglia di non allungare & non allargare conviene dargli retta dato che se lo chiamano il "professore" un motivo ci sarà! Però un filtrino leggero tipo quello T5 con la retina sostituita ed un coperchio alzato tipo Pinasco io quasi quasi... infatti dà "respiro" facilita i flussi, accelera l'ammissione, non dico come se fosse un CONETTO /CORNETTO o come cavolo vuoi chiamarlo, ma male non gli fà, anzi...
  4. già che spendi per il coperchio e datosi che AL filtro T5 repro devi cambiare la rete o non funge che è troppo fitta e costa 35 euro... a stò punto un conetto polini... specifico per 20-20 (solo POLINI) ci stà e tutto a mio dire, ti dà la BOTTA, e la BOTTA è la BOTTA!    Qualche giro motore in più ed anche se poi il getto passa da 108 a 115/118 poco importa, datosi che la BOTTA è pur sempre la BOTTA ed è meglio averla anche perdendo qualcosina in Km-litro percorsi, già.... pochi centesimi al litro sul piatto sx e sull'altro + 5 km/h+ 500G/min+BOTTA! Vedi tu ma io te l'ho detto.... e...GETTO MINIMO 50-160... con la BOTTA del venturi allungato con un bel CORNETTO POLINI quello serve dai retta... uno dei rari casi sia chiaro (o 500 mi fà lo shampo ancora una volta).... lui dice 48-160 infatti ed ha ragione, ma se và come dico il 50 ci stà e ci vuole 5 euro da tonazzo.
  5. Ok abbiamo albero mazzucca che pala benzina, abbiamo conetto/cornetto e coperchio alto che spingono forte, il getto adeguato, entra quindi in ammissione tanta roba... e la vuoi sputare fuori da una SITO???? Regala immediatamente quella SITO al tuo amico vespista più bisognoso e comprati di corsa la POLINI ORIGINAL's!!! oppure.... ma si dai.... se hai cono, travasi, albero, anche una sacrosanta PADELLA SIP ROAD! La coppia bassa si perde però... vero, ma hai pur sempre un 165cc, la rotondità del motore pure, rotondo è bello ma la BOTTA è meglio! I consumi Poè... i consumi, mi mandi "per stracci"!  Cosa vuoi che siano i 18 litro al posto dei 20 non sarà mica un dramma, se volevi consumare poco potevi tenerti il 125cc grippato, monti un MALOX vuole benza-aria-scarico, daglielo e lui ti sorprenderà! "Vabbè Poeta un cono, un coperchio Pinasco air box,  lavori di travaso ed ora pure marma Sip road, ma mi vuoi far fallire?"  No.. voglio solo vederti sorridere a 20 cm dal suolo sulla tua  vespa, solo questo.
  6. Rapporti, pignoe 22 se hai filtro originale... se monti una POLINI Original's (bellissima io la adoro ma è troppo educata, troppo da neofita, troppo permisssima, troppo fatat bene, io la adoro sia chiaro, ma il Malox se deve essere MALOSSI ama i giri la ignoranza e se ne frega del moderato rumore, del tiro medio e lineare, del solo nomignolo "original's" di original's DEVI AVERE NULLA sulla tua PX sia ben chiaro da subito Qhibli! Ed allora che monto il 20 il 21 o il 22? Un universio di denti dritti ci sarebbe, ma non confonderti, semplifichiamo, hai ora giri motore e marma da medio alti, non segnerai certo i 6500 come letto sopra (vergogna sono giri da 150 originale!) PUNTI DECISO AI 7300-7600 BEN CHE VADA E SE TI DICE PROPRIO CULO ANCHE 7900, ben altra musica dai retta, mica sei un vecchio come me e o Tondo immagino... (domenica scorsa un 74-enne mi ha umiliato su special 130cc doppia, non di motore ma di manico?!!!  lo sappia il mondo è vero!) gas serve gioia di andare in vespa, e non la perfetta carburazione, i regimi pari ed invisibili il sound pacato e l'andare garbato, serve la BOTTA cribbio! Poeta? Allora il rapporto?    Taglio corto sempre mi dilungo e troppo.....  Monta questa anche per un discorso frizione, se dà la botta serve frizione e la sei molle puoi anche mettertela nel C..... cassetto del banco.
  7. Dunque frizione  il dado che non si svita in primis Dado frizione esagonale da abbinare a scodellino originale per Vespa tutti i modelli Vespa telaio grandeo meglio quello con distanziale sotto che ti alza il PACCO (a me non si alza più tanto bene il pacco e mi toccherà dunque prenderne uno anche io! )Dado frizione DRT con distanziale per Vespa PX125-150-200 - T5e il pacco completo per quietop vivere, sì il dentino di merd@ che vien via solo a guardarlo (poi ti diranno) ma questa ci vuole CRIBBIO!Frizione 8 molle z21 denti NEWFREN rinforzata Vespa PX125, 150, COSAhttps://www.10pollici.com/it/homepage/vespa-classica/motore/frizioni/largeframe/frizione-8-molle-z21-denti-newfren-rinforzata-vespa-px125-150-cosa.1.1.35.gp.6373.uw da 21 denti, non perchè pesi troppo anzi proprio perchè sei leggero, non perchè è giusta dato che è per certo un pelino corta, ed allora POETA perchè questa cavolo di newfreen?

 

perchè nessuno dovrà pensare che tu possa verci solo 165cc, perchè agile e leggera sul dosso anche una pesante PX può planare, perchè è bello sentirsi leggeri, bello sapersi veloci non solo in caduta libera, sulla strada, on the road, in vespa e felici così vi voglio!

 

 

 

 

VESPASURFING

 

 

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

solo su small e nemmeno quelle volendo....

 

tua px elestart?

No elestart!

 

Hai!hai!Hai! volano elestart molto figo pesare 2kg senza ghiera girare bello, girare forte, altri 120 euro... ormai tanto ci sei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo RTF.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.




×
×
  • Crea nuovo...

Benvenuto su ET3.IT, il Forum delle Vespa da corsa!
Ti auguro buona permanenza su questo sito di veri Appassionati!
Come inizio ti suggerisco di inviare un messaggio di presentazione sul Forum Mugello Park !
Inoltre ti consiglio di richiedere la registrazione su Facebook al gruppo Et3.it - Vespe performanti
Il forum è consultabile anche tramite Tapatalk.
Buona permanenza su ET3.it!