REIMMATRICOLAZIONE VEICOLI DEMOLITI o SCONOSCIUTI
10 10

96 messaggi in questa discussione

Grazie molte Gino...

Comunque sia se non si trova nessuna corrispondenza, si può ugualmente procedere con la reimmatricolazione, giusto?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Lmb975 ha scritto:

Grazie molte Gino...

Comunque sia se non si trova nessuna corrispondenza, si può ugualmente procedere con la reimmatricolazione, giusto?

 

Certo che sì, ma dovrai aspettarti un controllo da parte delle FdO.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi ciao ho un altro dubbio da esporvi, siccome oramai la voglia di farmi una vespa non riesco a frenarla, ma non vorrei spendere una barbarità, sto cercando tutte vespe da restaurare, da farmi poi con il tempo, diciamo un passatempo da garage ;-)... Nello specifico mi piacerebbe un PX 125, oppure un ET3 e sto trovando molte vespe prive di documenti, con targa sconosciuta, solo con numeri di telaio, addirittura molte con numeri non leggibili!!!... Di una in particolare mi faccio dare dal venditore i numeri di telaio, parto e vado al PRA.... Al PRA di Alessandria mi dicono che loro non possono fare ricerche solo con il telaio, di andare in motorizzazione.... Vado in motorizzazione, ufficio tecnico, inseriscono i numeri e non risulta nulla... L impiegato, per altro molto gentile mi spiega che probabilmente il mezzo da quando hanno iniziato a digitalizzare i cdp e documenti vari, non ha subito nessun movimento di nessun tipo, quindi non risulta da nessuna parte!!! Ma come è possibile? un archivio ci deve essere!!!???... 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' possibilissimo, come sapresti se avessi letto bene il primo post del topic. Inoltre, anche se puoi sempre fare una ricerca negli archivi cartacei, dovresti almeno sapere quel'è la sede di prima immatricolazione, perché, per i veicoli non presenti nel database e che sono solo su cartaceo, la ricerca dev'essere effettuata sul registro specifico.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gino ciao, hai ragione il topic l ho letto più volte e l avevo capito, ma comunque sono un po' perplesso da ciò... Più che altro per le possibili truffe che si possono trovare in giro!!!

Vabbè comunque ce la dovrei aver fatta, spargendo un po' la voce, tramite lo zio del cugino :-) di un mio fornitore, ho trovato un et3!!! Completo, da farci qualche lavoretto anche pesante, ma tutto sommato in ordine, senza documenti ma con targa nota.... L unica cosa che mi lascia un po' dubbioso, è che telefono alla motorizzazione della provincia di immatricolazione (prima di confermare l acquisto), mi danno conferma sia del telaio che del nr di targa, e mi dicono "radiata per demolizione!!!" Ma il vespino non è mai stato demolito!!!

era una dicitura che negli anni 90 era prassi scrivere, per indicare il ritiro delle targhe e dei documenti?

Grazie...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ripeto: leggiti bene il primo post.

Specialmente negli anni '80 e '90 era prassi comune "demolire" un veicolo solo nominalmente, portando al PRA documenti e targa e tenendo, soprattutto se piccole moto e scooter sino a 200cc, il mezzo in garage, sepolto sotto una coperta. Tutto ciò per non pagare il bollo come tassa di proprietà. Teoricamente la cosa non avrebbe potuto essere più fattibile dal 1993 in poi, ma siamo in Italia ed, infatti, dopo una serie di circolari sul tema, ne è stata emessa una DEFINITIVA nel 2006, per cui possedere un veicolo dichiarato rottamato da quell'anno in poi è considerato reato.

Ma devi fare attenzione ad un'altra cosa: dall'estate del 1997 sono stati elargiti gli incentivi per la rottamazione anche per le moto e possedere un veicolo per cui si sono percepiti incentivi per la rottamazione è sempre un reato, per cui accertati bene prima di quando è stata demolita la vespa e se con incentivi o meno.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Gino per la risposta... La mia è stata demolita nel 1992, per cui anche li sono a posto... grazie ancora... Saluti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, avrei bisogno un grosso aiuto. Ho comprato una vespa PK125 prima serie del 1983 senza libretto. il venditore mi ha dato una copia della visura che è stata fatta, dove è presente il numero di targa e tutti i dati del vecchio proprietario. Sulla visura c'è scritto che la vespa è stata demolita. Da inesperto totale nel campo ho comprato la vespa ed ho iniziato a ristrutturarla accorgendomi poi col tempo che non avrei avuto la certezza di riuscire ad usarla. Volevo chiederti se riusciresti a spiegarmi cosa dovrei fare per poterla mettere in circolazione. Ho anche fatto l'errore di riverniciare la carrozzeria di un colore non originale. 

controllando sul certificato cronologico del pra c'è scritto che la denuncia di cessazione di circolazione è stata effettuata il 25/05/1994 quindi suppongo non sia stata demolita per incentivi.

non possiedo la targa in copia fisica ma possiedo il numero e i dati del vecchio proprietario.

possiedo anche una copia di un documento che il primo compratore ha fatto all'atto dell'acquisto della vespa, non so se potrebbe servire.

grazie in anticipo per la disponibilità

Modificato da Francesco1995

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Trovi la procedura da seguire nel primo post di questo topic.

Per quanto riguarda il colore della vespa, dovrai contattare l'ASI, perché l'FMI difficilmente accetterà di iscrivere un veicolo di colore difforme a quelli originali per quel modello.

Certamente la vespa non è stata rottamata con incentivi perché nel 1994 non esistevano.

La copia del documento di acquisto del primo compratore ha un'utilità relativa, primo perché è una copia e non l'originale e, secondo, non serve a nulla se a tua volta non hai fatto una scrittura privata di vendita in bollo con la firma del venditore autenticata.

In bocca al lupo!
Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, volevo chiedere dei chiarimenti se possibile. Ho letto il primo post e devo farti i complimenti perchè è davvero ben fatto. Volevo sapere se quanto scritto è ancora valido dato che l'ultima modifica del post risale al 2015 e se è valido anche per altri motocicli diversi dalla vespa. Inoltre volevo sapere se il certificato di origine e la scheda tecnica sono obbligatorie o se si possono omettere per fare la reimmatricolazione del veicolo in quanto alcune case produttrici non esistono più e quindi è impossibile da quel che so recuperare questi documenti e perchè ad esempio la piaggio che segue anche i certificati per le moto gilera per questi documenti chiede la bellezza di 220€!! folli!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 8/9/2017 in 15:15 , SuperAlby ha scritto:

Ciao a tutti, volevo chiedere dei chiarimenti se possibile. Ho letto il primo post e devo farti i complimenti perchè è davvero ben fatto. Volevo sapere se quanto scritto è ancora valido dato che l'ultima modifica del post risale al 2015 e se è valido anche per altri motocicli diversi dalla vespa. Inoltre volevo sapere se il certificato di origine e la scheda tecnica sono obbligatorie o se si possono omettere per fare la reimmatricolazione del veicolo in quanto alcune case produttrici non esistono più e quindi è impossibile da quel che so recuperare questi documenti e perchè ad esempio la piaggio che segue anche i certificati per le moto gilera per questi documenti chiede la bellezza di 220€!! folli!

Sì, la procedura è sempre valida, probabilmente c'è da aggiornare qualche costo.

La scheda tecnica, se richiesta, per le vespe puoi scaricarle su vesparesources (tra qualche giorno, perché il sito è in aggiornamento), altrimenti, per moto o veicoli di cui non esiste più il costruttore, puoi rivolgerti ai vari registri storici o di marca.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, SuperAlby ha scritto:

Ma la scheda tecnica ed il certificato di origine servono necessariamente per fare la reimmatricolazione?

Ma ti sei letto il primo post? Lì c'è la procedura e tutti i consigli del caso.

Comunque, scheda tecnica omologativa e certificato d'origine servono solo in caso di veicolo di cui non si conosce nulla, ma conviene sempre chiedere prima in motorizzazione cosa chiedono loro. Se conosci la targa del veicolo, in genere basta l'estratto cronologico del PRA.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'avevo capito, ma, sino al marzo 2006, c'è una certa tolleranza in queste cose (dopo no, perché hanno emesso una circolare apposita). A meno che non esista un verbale di presa in carico da parte di un rottamatore che avrebbe dovuto distruggere il veicolo.

Fai una verifica presso il PRA.

Ciao, Gino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
L'avevo capito, ma, sino al marzo 2006, c'è una certa tolleranza in queste cose (dopo no, perché hanno emesso una circolare apposita). A meno che non esista un verbale di presa in carico da parte di un rottamatore che avrebbe dovuto distruggere il veicolo.
Fai una verifica presso il PRA.
Ciao, Gino

Domani verificherò al PRA, grazie mille!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
10 10