Vai al contenuto

Farinos

+ Utente Attivo
  • Conteggio contenuto

    65
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    1

Contenuti inviati da Farinos

  1. Si è così... nel mio caso con coperchio hp ho accorciato anche la leva del carterino di qualche mm (risaldandola) per aumentare l'escursione a parità di tiraggio della leva al manubrio. Con il sistema a cremagliera rimane comunque morbida da tirare anche se il leveraggio è piu' corto
  2. Penso che tancry92 intenda non leve piu' lunghe, ma leve che permettano un'escursione maggiore (tipo quelle del PX, che utilizzo anche io su una frizione di derivazione HP). Il problema è da ricercare altrove
  3. Sul mio pk 125 ho configurazione turistica simile alla tua (di diverso ho alzato un po il cilindro e l'ho raccordato - 117°-179° ed ho un phbl 24 con lamellare polini con lamelle riviste)... Come rapportatura monto una 28/68 con quarta corta falc Z48 (ce l'avevo in casa e dovevo trovare il modo di utilizzarla). Con la proma modificata che ho su ora (spillo spostato e paratie eliminate) la quarta la tira, anche se in due soffre un po. Secondo me se non vuoi impazzire ti conviene lasciare la 24/61 che hai su... Inutile utilizzare espansioni o scarichi esagerati con un 21 ed i travasi originali. Proma o banane equivalenti e vai sul sicuro.
  4. Nota dolente... Il mio carterino HP ha cominciato a perdere olio dal leveraggio dove attacca il filo frizione. Sapete se c'è un o-ring di tenuta all'interno? Da quanto vedo su esplosi di carterini leva lunga/corta sembra che all'interno ci sia... Se avete il sip sottomano nuovo dovrebbe esserci una gola per infilarlo
  5. Se è una copia dell'HP sulla parte bassa dell'asta dove c'è la leva non c'è nessun cuscinetto, ma se non ricordo male c'è un oring all'interno. In foto un hp che ho smontato qualche anno fa per revisionarlo
  6. cilindri in alluminio sono molto piu affidabili di quelli in ghisa. 20 cavalli comunque non sono proprio pochi eh... Scordati motori in ghisa se vuoi raggiungere potenze simili e avere affidabilità
  7. Secondo me non è adatta alla tua configurazione, sicuramente va meglio di una proma ma monterei altro...
  8. Tanto vale a questo punto che ci metti una proma...
  9. Se spiani il cilindro e ci ripensi (come è successo a me) poi non puoi piu' tornare indietro... Lavorando sulla testa invece male che va te ne procuri una nuova
  10. Con la configurazione che hai attualmente avrei visto meglio una proma... Se alzi le fasi perdi comunque in basso... Poi rischi di non tirarla piu' la 27/69 con quella marmitta. Se il motore comunque si pianta a 105 (7500 giri) c'è qualcosa che non va (se non ricordo male lo hai scritto su altro post)... Probabilmente per quel buco ai medi di cui ti parlavo sopra (io li superavo agevolmente con 25/69 e quarta corta con md 130). Ti metto un paio di foto della testa polini R che ho attualmente sul polini "muletto" (fasato 117-179) e quella Quattrini che avevo sullo step piu incazzato (fasato 123-185) entrambe tornite da MD RACING per sopperire alla basetta.
  11. Per lo meno non prendere una testa polini vecchio tipo... se devi incassarla per rifasare sfiaterà sicuramente... C'è pochissimo materiale. Io all'epoca avevo utilizzato una testa quattrini d56 che ha parecchio materiale (tornendola a misura). La marmitta che monti è la peggiore espansione sul mercato, con un buco allucinante ai medi regimi che non ti permette di stendere la quarta (specialmente con 27/69). Se hai possibilità prendi una Silent o un MD 130 che lavorano bene con fasi intorno ai 180°, vedrai come cambia la musica. Per le misure, tanto alzi sotto tanto devi togliere sopra per avere lo stesso valore di squish.
  12. Potresti cominciare con una marmitta e una teste decente
  13. Vai di piu'?!?!!? Il motore sicuramente lo stressi con la 24/72 rispetto ad un rapporto piu' lungo. Anticipo variabile su un motore del genere? Soldi buttati... Poi a che scopo? con un volano piu' leggero perde anche inerzia, anche se con quell'albero con un volano così pesante è solo questione di tempo (e di culo) prima che ceda il cono. A quel punto conveniva fin dall' inizio investire su un albero migliore e magari montare un'accensione V da 1.6. Sul mio con lamellare polini, phbl 24, carter raccordati (fasato 117-179), accensione V e Proma modificata vado tranquillamente con 29/68 con z48. Poi a sto punto non mi sento di aggiungere altro, adesso tanto va di moda la 24/72 sui motori di scatola. Ps. Dai una controllatina allo squish prima di cambiare primaria
  14. Se non vuoi arrivare nemmeno a 90 all'ora ed imballare la vespa in 200 metri allora è la soluzione giusta. Il problema comunque è da ricercare altrove. Non esiste che con una configurazione del genere non stendi la quarta... come ti hanno gia' detto fai controllare anticipo e carburazione... E fai molta attenzione a quell'albero che con 2.2 Kg di volano avrà vita breve
  15. Non capisco perchè su un polini di scatola che si e no farà 7500 giri vi ostinate nel consigliare una 24/72. La cosa non ha assolutamente senso. Sul mio sono partito con 29/68 e quarta corta...
  16. Provato sui coltelli da esperto del settore ha valutato che non erano necessari ulteriori inserti per il bilanciamento (non è stato lavorato in quanto utilizzato su un lamellare al carter). In moto le vibrazioni sono contenute. Sull'evo 1 rifasato ho un Pinasco lavorato e bilanciato con tungsteno (ce n'è andato uno sproposito) ed ha una frequenza di risonanza che ad un certo numero di giri mi smonta la vespa... Cosa che il Malossi non ha. Ma parliamo di motori differenti con almeno 2500 rpm di differenza. Il Malossi è decisamente un buon albero ma a mio avviso essendo un prodotto commerciale il prezzo è elevato e quel'imperfezione in corrispondenza dell'inserto di bilanciatura era da evitare
  17. Non le ho misurate, in quanto ho asportato la valvola per montare un lamellare! Se volete posso caricare qualche foto che ho fatto prima del montaggio
  18. Io ho montato l'anticipato su un polini in ghisa turistico (29/68 con z48, phbl 24 e proma) ma con lamellare al carter. E' un bell'albero, ma mi risulta sia solo in biella 97... Il costo è abbastanza elevato e sul mio ho riscontrato delle tolleranze elevate dove sono inseriti gli inserti di bilanciamento (probabilmente sono stati inseriti dopo la rettifica dell'albero ed hanno "gonfiato" leggermente la spalla) tanto che se avessi avuto la valvola avrebbe strusciato. L'albero lo avevo preso sei mesi fa... Magari hanno risolto il problema nel frattempo
  19. A parte il fatto che se hai la vite dietro la cuffia, per fartela smontare devono tirarti giu' la ruota e sganciarti l'ammortizzatore... Quindi dovrebbero smontarti mezza vespa in mezzo alla strada
  20. Si e' fasato basso... una sorta di copia del cilindro ET3 con pistone monofascia. Per la 29/68 rimango comunque dubbioso
  21. A parte il fatto che se la vespa è 50 anche con 121 Piaggio saresti fuori regola. Inoltre potrei aver dovuto rettificare il cilindro per usura... Magari fino a 57. Poi la corsa dell'albero come la verificano? Ps. Se vuoi rimanere sui 121 cc c'è anche il vecchio Pinasco volendo
  22. Un volano piu' leggero ti fa perdere inerzia con maggiore difficoltà nel tirare un rapporto piu' lungo...
  23. Ho preso da poco una pk 125 s completamente originale a cui ho sostituito lo scarico con uno ETS. Posso dirti che la 24/61 di serie è piuttosto precisa. Il cilindro ET3 dovrebbe essere molto simile (anche se a libretto il pk 125s rispetto all'et3 ha 1 CV in piu' o giu' di li). Se fossi in te prenderei una 27/69 in modo da poter giocare con i pignoni per allungare. La 22/63 è tropo corta e la 29/68 probabilmente troppo lunga...
×
×
  • Crea nuovo...

Benvenuto su ET3.IT, il Forum delle Vespa da corsa!
Ti auguro buona permanenza su questo sito di veri Appassionati!
Come inizio ti suggerisco di inviare un messaggio di presentazione sul Forum Mugello Park !
Inoltre ti consiglio di richiedere la registrazione su Facebook al gruppo Et3.it - Vespe performanti
Il forum è consultabile anche tramite Tapatalk.
Buona permanenza su ET3.it!