Tondo68

+ Utente Attivo
  • Conteggio contenuto

    722
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    8

Tondo68 ha vinto l'ultimo giorno in 8 Ottobre

Tondo68 ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

482 Excellent

6 che ti seguono

Che riguarda Tondo68

  • Rango
    90cc
  • Compleanno 15/07/1968

Contact Methods

  • Scrivi una frase sensata sul mondo dei motori
    Per elaborare i motori e, più in generale, per avere una visione soddisfacente della realtà, occorre sviluppare l'attitudine alla quantificazione relativa. Infatti, in questo nostro mondo, immenso e minuscolo insieme, nel quale non disponiamo di categorie di giudizio assolute, l'interrogativo magico è sempre: "Quanto, rispetto a cosa?"

Profile Information

  • Regione?
    Roma
  • Gender
    Not Telling
  • Nome Reale
    Francesco

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

5326 lo hanno visualizzato
  1. Tondo68

    Leggere le incrostazioni...

    Penso anche io, vista la posizione e la consistenza delle incrostazioni, che ci sia uno squilibrio di forma dei travasi principali provocato dalla lavorazione... Ma visto che vuole cercare di salvare il (pur poco) salvabile... 😊
  2. Tondo68

    Leggere le incrostazioni...

    Non avevo capito che lo avevi già trovato così.... Be' ora con 125/181 la fasatura sarebbe ok: se la lavorazione sui travasi principali non ha guastato troppo la forma del condotto potrebbe anche andare.
  3. Tondo68

    Leggere le incrostazioni...

    Se, come mi sembra di aver capito, hai toccato con la fresa anche i travasi principali e i correttori, il danno è fatto: lavorarli significa alzare la fasatura in gradi ma compromettere la forma convergente e l'orientazione dell'ultima parte del condotto di travaso. Il terzo travaso, (singolo, doppio o diviso in tre come nel 130 Polini) può essere lavorato tranquillamente perché è tangenziale alla parete del cilindro. Nel tuo caso avrei toccato solo il centrale, aumentandone un po' la portata eliminando il gradino che c'è sotto. Per alzare le fasi, sempre utilizzare una basetta e adeguare lo scarico 😉
  4. Tondo68

    Problemi al cambio marce

    A Roma in questi casi si dice: "Te possino!"😆 Allora, l'innesto che avvertivi strano era solo suggestione.... E non sentivi già nei giorni precedenti che la Vespa ciondolava tutta? Comunque affrettati ad aprire il motore e a sostituire l'asse, altrimenti ti rifermi prestissimo 😉 Purtroppo in questi casi sostituire solo il tamburo non basta: frena a salti e dura poco.
  5. Tondo68

    Problemi al cambio marce

    Mah... Dando per scontato che i fili scorrano bene, il preselettore sia a posto, i morsetti dei fili o le punte dei fili stessi lasciate troppo lunghe non urtino il carterino di protezione, lo stelo di comando crociera sia si di essa ben avvitato, ipotizzo e suggerisco: - potresti avere qualcosa di duro e metallico a spasso tra gli ingranaggi, magari un pezzo di una molla del parastrappi o una punta della crociera; - intanto, prima di aprire tutto, smonta il carter frizione e il gruppo frizione, così da poter controllare le condizioni dei lamierini di chiusura del parastrappi, l'eventuale presenza di detriti metallici e anche il gioco assiale del cuscinetto primaria.
  6. Tondo68

    Polini original px 125..nessuno ancora?

    Infatti, di recente la Polini ha saggiamente deciso di apportare questa miglioria. Ottima cosa!
  7. Tondo68

    problemi su vespa 130 girato

    Prova con una candela nuova, solo per sicurezza, ma credo proprio che il problema sia nel captatore dello statore. Naturalmente controlla che lo spillo conico tenga e ottimizza la carburazione, ma se scoppietta significa che a tratti manca la scintilla, mentre se mura per carburazione grassa il motore tende a battere i quattro tempi a un certo regime e non sale più di giri, ma senza scoppiettare.
  8. Tondo68

    Preparare un motore formula Endurance

    Hai posto una buona domanda. Tieni innanzitutto presente che i 60° di differenziale assumono un significato ben diverso a seconda dell'ampiezza assoluta delle fasi: 115/175 significa avere un differenziale esagerato; 130/190 significa averlo giusto o perfino stretto. Nel nostro caso abbiamo alzato lo scarico, accettando la contropartita di un differenziale piuttosto ampio, per ottimizzare il lavaggio e scongiurare il pericolo di autoaccensione e detonazione, visto che il circuito nel quale il motore dovrà correre si caratterizza per la presenza di un rettilineo pericolosamente lungo: bisogna assolutamente che il motore non tenda a scaldare. Oltretutto, la marmitta è stata progettata in maniera tale da contenere gli eventuali effetti indesiderati di questa fasatura.
  9. Tondo68

    Marmitta px 177

    Veramente intendevo proprio la Sport: ha più o meno lo stesso regime di accordo della Polini original, ma rende il motore più potente su tutto l'arco di utilizzo. A meno che tu non debba andare solo su strade di montagna, ti consiglio vivamente una rapportatura primaria 23/68. La tira eccome!
  10. Tondo68

    Marmitta px 177

    Il 177 Parmakit, se non lo hai toccato, ha una fase di scarico piuttosto contenuta... Comunque, io monterei la Polini Original oppure, potendo spendere di più, la Bgm Big Box sport, che ha un arco di utilizzo simile alla Polini, ma fa tirare fuori più potenza al motore. Però devi tassativamente montare il pignone Z23, per avere 23/68, che comunque non sarà lungo per niente.
  11. Tondo68

    102 dr che non allunga

    Premesso che le fasi vanno misurate con accuratezza, il range di erogazione è influenzato anche e soprattutto dal differenziale scarico/travaso. Lasciando fermi (e prendendo per buoni) i 185° di scarico, il motore girerà più alto con travasi principali a 125° che a 130°. La cura di tale aspetto della questione riveste un ruolo cruciale per l'ottenimento dei risultati desiderati. Naturalmente -spero sia scontato- occorre una fase di aspirazione che ben si sposi con i valori di scarico e travaso adottati. Per esempio, se abbiamo una fase di aspirazione di 160° gradi, avere 130° di travaso e 190° di scarico serve solo a far essere fiacco il motore su tutto l'arco di utilizzo. Credo che tu ti ritrovi fasi più strette rispetto ai dati stimati 130/185... Comunque, in generale, se si inserisce uno spessore sotto al cilindro, la fase di travaso si amplia più della fase di scarico e, di conseguenza, il differenziale si stringe, peggiorando la propensione del motore ad allungare, a dispetto delle fasi più lunghe. In questi casi è dunque necessario alzare ulteriormente lo scarico per ripristinare un differenziale adeguato. Solo gestendo assennatamente il contemperamento di questi parametri il motore renderà come desideriamo noi e non come pare a lui 😉
  12. Monta una primaria 24/72 e un albero motore non troppo anticipato: puoi prenderne uno commerciale del PKS (che ha il cono 19) e anticiparlo asportando circa 15 mm della spalla aspirazione. Credo che questa sia la soluzione più economica. Ci vorrebbe anche un carburatore 19 completo di collettore.
  13. Tondo68

    Polini 208

    Insomma... Uno squish ottimizzato -corretta ampiezza della corona e giusto valore- ti permette di adottare RC più elevati senza incorrere nell'autoaccensione e detonazione. La testa MMV si sposa bene con il Polini, così come la Pinasco Vrh, privata del dente al posto del quale è bene montare uno spessore di rame alettato... La migliore, che è pure la più economica, è però la testa Polini in dotazione ai nuovi Kit: ha una buona alettatura. La devi montare con uno spessore di rame da 0,6mm sotto in aggiunta alla guarnizione in acciaio che ha in dotazione. Prova a vedere come va e se serve decomprimi ancora allargando un po' la camera di scoppio.
  14. Tondo68

    Malossi 210 Sport problemi carburazione

    In generale aver lavorato i carter o meno non cambia granché sulla carburazione e sul getto. Il tipo di marmitta può fare differenza. Il ritardo di aspirazione sulla spalla dell'albero può far apparire molto grassa la carburazione ai bassi regimi a causa del rigurgito che genera. Il foro da 2,5 mm tra vaschetta e getto è un po' esagerato e lo spillo più corto alza pure il livello in vaschetta....
  15. Tondo68

    Malossi 210 Sport problemi carburazione

    In realtà, allargando i passaggi del carburatore -hai fatto benissimo a farlo, ma qual è ora il diametro del foro che mette in comunicazione la vaschetta con il pozzetto del getto?-, è normale che ti risulti un po' grassa con il 125. Immagino che tu abbia il filtro standard con il classico foro in corrispondenza del freno aria del massimo... Dovresti avere anche la ghigliottina n.4, freno aria 160 e tubo di emulsione BE3. Se la situazione è questa, monta tranquillamente un getto 122 o anche 120 insieme a un freno aria 140, che potrà eventualmente diventare anche 150 se fosse ancora troppo grassa. Però, per valutare la carburazione devi vedere soprattutto come reagisce in quarta: verifica che aprendo per qualche secondo tutto il gas a regimi medio-alti e poi richiudendolo bruscamente per metà, la carburazione si ingrassi e il motore batta i quattro tempi per qualche istante. Il freno aria più piccolo ti permette di non smagrire troppo a piena potenza, mantenendo un'erogazione pulita ai regimi medi e alle aperture parziali del gas.