Damiano_W1R

+ Utente Attivo
  • Conteggio contenuto

    272
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    20

Damiano_W1R ha vinto l'ultimo giorno in 11 Novembre

Damiano_W1R ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

204 Excellent

4 che ti seguono

Che riguarda Damiano_W1R

  • Rango
    90cc
  • Compleanno 17/09/1990

Contact Methods

  • Website URL
    https://www.facebook.com/WhiteOneRacing
  • Facebook
    https://www.facebook.com/damiano.bianchi.90
  • Scrivi una frase sensata sul mondo dei motori
    Credo che il rendimento volumetrico sia l'aspetto più interessante dei motori endotermici, esso infatti tiene conto anche del comportamento dei fluidi (liquidi e gas) in movimento, meglio noto come fluidodinamica: l'insieme cioè, degli eterei ed angelici fenomeni capaci di scatenare ardenti ed infernali e potenze.

Profile Information

  • Regione?
    Lazio
  • Gender
    Not Telling
  • Occupation
    Ingegnere

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

1102 lo hanno visualizzato
  1. Damiano_W1R

    FRENI A TAMBURO -difetti e rimedi-

    Quanto hai proposto, è interessante ma le modifiche suggerite nel video migliorano nettamente il potere frenante. Provare per credere.
  2. Sperando che possa esservi utile abbiamo realizzato questo video per parlare un po' del raffreddamento dei nostri amati mezzi, i principi sono validi anche per i motori small applicando gli stessi principi.
  3. Damiano_W1R

    FRENI A TAMBURO -difetti e rimedi-

    Abbiamo fatto un breve video per parlare dei difetti dei freni a tamburo e come poter porrerervi rimedio, spero possa esservi utile.
  4. Abbiamo realizzato due video per parlare di alberi per motori a valvola rotante, valutando quale sia il miglior compromesso tra fase, massa, bilanciatura, passaggio e volume, sperando di riuscire a fare un po' di chiarezza ai neofiti.
  5. Sperando possa essere utile abbiamo realizzato questi video per parlare un po' delle caratteristiche, dei pregi e dei difetti delle frizioni large.
  6. Damiano_W1R

    Nuovi Carter Malossi

    Il carter della cosa è più robusto dove non sollecitato meccanicamente, rispetto alle fusioni piaggio il più robusto è proprio quello t5
  7. Damiano_W1R

    Nuovi Carter Malossi

    Sarebbe bastato fare la modifica per portare il paraolio da dentro a fuori. Il 250pinasco con carter derivanti dal t5 mi convice poco, sopratutto per la ridotta alettatura.
  8. Damiano_W1R

    Nuovi Carter Malossi

    è stato fatto un passo in avanti grande, mi aspetto una bella crescita delle potenze sui big bore
  9. Damiano_W1R

    Preparare un motore formula Endurance

    Il cilindro è un pinasco di scatola, ma le capacità respiratorie garantite dal tipo di ammissione, dalla eccezionale marmitta e dalla lavorazione di albero/carter, sono comunque molto elevate. Essendo tappato lo sfiato la carburazione si è smagrita, la temperatura si è alzata e il cilindro ha grippato. Per il discorso velocità, il ragionamento è semplice la 4a marcia con il cilindro standard non la tirava più bene, è facile che con il 26 avrebbe fatto 147 ma con un vantaggio nella parte guidata, il cilindro lavorato con il 26 avrebbe potuto fare 152 perché anche lui seppur con meno evidenza risultava lunghetto
  10. Damiano_W1R

    Preparare un motore formula Endurance

    Anche questa siamo riusciti a portarla a casa, in gara il motore ha avuto bisogno solo della miscela per funzionare, è stata una gara bellissima. Nelle gare di durata non va sempre tutto liscio e questa volta abbiamo avuto diversi imprevisti che hanno compromesso un risultato che si stava consolidando ora dopo ora. primo intoppo: i pignoni che avevamo comprato per aggiustare la rapportatura (27 e 26 crimaz per corona 69) sono rimasti a Siena, poco male perché siamo riusciti a reperire un pignone da 27 che ci permetteva di raggiungere sul lungo rettilineo circa 150km/h (con un rapporto di 1/2 dente troppo lungo). secondo intoppo: durante le prove del sabato i gommini della sella hanno ceduto e la struttura metallica è andata ad occludere lo sfiato del serbatoio, questo ha determinato il surriscaldamento e scromatura del cilindro (che comunque funzionava da circa 100ore). Sostituiamo il cilindro lavorato, con uno standard portato di scorta e i rapporti tornano ad essere di nuovo lunghi, per non correre rischi, visto il maggiore rapporto di compressione effettivo (scarico più basso) metto lo squish a 1,2mm e ritardo di 2 gradi l'accensione. La velocità massima si attesta sui 145km/h (ci vorrebbe il pignone da 26 che non abbiamo). A causa della rottura del motore facciamo pochissime prove e alle qualifiche spuntiamo solo il tredicesimo tempo. Comincia la gara, partiamo male e dopo la prima ora da tredicesimi siamo diciottesimi, posto 10 categoria Sp1 continuiamo a girare bene e senza intoppi al secondo giro di boa passiamo al quindicesimo, posto 10 categoria Sp1 Alla terza ora le cose cambiano, Magny Cours miete le prime vittime e scaliamo un posto nella nostra categoria Dopo le prime quattro ore, continuiamo a macinare km guadagnando terreno: 14° assoluti e 7° di categoria Quinta ora di gara, la vespa arancione va come un treno e guadagna ancora terreno: 5° in categoria e 9° assoluti 4 ore al termine, teniamo botta scalando una posizione in categoria 9° assoluti e 6° in categoria Poi purtroppo arriva il terzo fatale (sportivamente parlando) intoppo: Michele Manganelli cade fratturandosi tibia e perone (i dottori francesi hanno detto che non era nulla), ci riportano la vespa dopo 15minuti e ce ne mettiamo altri 25 per sistemare ciò che si è rotto (comando cambio e sterzo). La gara è compromessa e le posizioni faticosamente conquistate vengono perdute, rimaniamo solo con 2 piloti che con grandissimo orgoglio riescono sul finale a riguadagnare qualche posizione. 7° ora 8° ora 9° ora Traguardo 10 ore Anche se abbiamo concluso la gara solo all'ottavo posto di categoria e diciassettesimo assoluto, siamo comunque contenti per il risultato e speriamo che Michele possa presto tornare in sella Alla prossima Endurance
  11. Damiano_W1R

    Motore IDC 2018 cat. C8 Classic

    infatti prima vanno aggiustati i rapporti e poi nel caso si alza lo scarico
  12. Damiano_W1R

    Motore IDC 2018 cat. C8 Classic

    il motore è molto potente, difficile da gestire. Il cambio risulta poco adatto, serve una prima più lunga. I risultati sono ancora non all'altezza della situazione: 4° posto (su 4) a 2/100 di secondo da 3° (romani alessandro), quello che più ci spiace è che il risultato non rispetta le prestazioni del motore. Arriveremo forse intorno ai 200° gradi di scarico per togliergli un po' di botta sotto altrimenti non si gestisce.