BenexInVespa

Nuovo Utente
  • Conteggio contenuto

    9
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda BenexInVespa

  • Rango
    50 originale

Contact Methods

  • Scrivi una frase sensata sul mondo dei motori
    "C'è qualcosa nei motori, che mi calma molto."

Profile Information

  • Regione?
    LOMBARDIA
  • Gender
    Not Telling
  • Occupation
    Politecnico di Milano - Ing. Meccanica
    Race Team Polimi Motorcycle Factory (PMF)
    Burani Moto Race Team

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

304 lo hanno visualizzato
  1. Come da titolo ho un problema ENORME. Quando avvio la vespa, e solo all'avvio il motore fa partire una scintilla bella grossa dal motore al telaio. Non riesco quasi mai a vedere da dove parta, ma una volta l'ho vista partire dal phbl che monto, per la precisione dalla leva dell'aria, al telaio accanto! Ho provato a vedere se lo faceva anche dopo ma lo fa solo una volta(spero che non lo faccia anche quando sono in moto e non lo sento, ma provando a sgasare ripetutamente lo fa solo una volta). Ho pensato potesse essere la massa della centralina che monto, una top performance di 3 anni e l'ho cambiata prendendo una nuova ducati originale piaggio ma ho appena provato e fa la scintilla come prima. Ho acceso la vespa con l'aria tirata e non l'ha fatta subito, ho dato due sgasate e tac, scintilla che però non ho visto ma si sente decisamente bene, anche perchè poi viene su il classico odore metallico. Ho provato anche a staccare i due cavi che alimentano l'impianto elettrico escludendo cosi tutte le masse dell'impianto. Lo fa comunque. Ho pensato potesse essere la candela in parte bruciata e dunque non scaricando scarica altrove, cambiato candela con una vecchia che era perfettamente funzionante e non aveva dato questi sintomi, lo fa lo stesso. Il motore gira bene dopo, però non è assolutamente normale come cosa, anche perchè quando ho visto la scintilla partire dal carburatore, mi sono cagato addosso a pensare agli 8 litri di benzina nel serbatoio e quella nel carburatore. Il piatto dello statore ha 3 anni circa, può centrare il pickup?
  2. Confido in un vostro pronto aiuto, posto per conto di un amico in Viaggio da Milano a Trapani, che ha giusto qualche problema di propulsione. Per quanto mi riguarda aggiundo che il gt pinasco è il mio, a cui quando lo comprai misi i seeger a sezione quadra al posto di quelli a G dal momento che li trovo ben piu scomodi da montare. Solo quelli della Parmakit ho trovato furbi. In 3 anni, quasi 4, che ho usato quel gt non ho mai avuto problemi. Feci quella operazione dal momento che quei seeger non hanno alcuna funzione strutturale, se non quella di tenere dentro lo spinotto del pistone, ma essendo soggetti a sforzi assiali non ritenni che potesse dare problemi, infatti non ne diede mai, e feci non pochi km... Se anche il pistone polini ha le sedi seeger tonde per un seeger di sezione circolare, veramente uno di sezione quadra può uscire con cosi tanta facilità? Sono stati montati bene e non male, non stortati e con opportuna verifica sulla loro libertà di movimento una volta montati. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Buongiorno amici vespisti, Ho un PX125E dell’82 che monta un gt Polini 177, carburatore spaco 24 (min 55 - max 120), travasi raccordati, valvola lavorata e albero anticipato (da me) e bilanciato. Frizione e rapporti sono originali. Sono consapevole di dover mettere una frizione adeguata al mio motore, o delle molle rinforzate, ma non è questa la causa dei miei problemi attuali. Nell’ultimo mese ho fatto fuori 3 pistoni. Il primo dei tre era un vecchio gt sempre polini 177 ma alla terza rettifica, era un pistone GOL 63,6 (mi pare), e ha dato solo una lieve scaldata dopo 30 km di utilizzo, continuando poi a funzionare. Ho preferito ricomprare tutto il kit polini perche stavo pianificando il viaggio in cui mi trovo adesso. Dopo aver montato il nuovo kit ho deciso anche di fare un lavoro alla marmitta, padellino originale piaggio 125, perché fosse più adeguata a scaricare i fumi di un 177. L’ho tagliata e ho raddoppiato il numero dei fori che si sono sulla paratia interna, facendomela chiudere poi da un saldatore. Pronti a partire dopo 600 km di rodaggio ben fatti, intraprendo con mio fratello (su due vespe) questo viaggio da Milano a Trapani, e prima ancora di arrivare a Lodi, dopo neanche 30 km, scaldata, ruota bloccata e fatica a ripartire. Dopo qualche settaggio di carburazione la vespa riparte e mi porta senza alcun problema fino a La Spezia, non aveva neanche perso compressione. La mattina dopo si riparte per arrivare a Firenze, viaggio perfetto, ma appena prima di arrivare, a 20 km dalla destinazione, sento un rumoraccio metallico proveniente dal cilindro, la vespa però continua a funzionare. Dopo qualche centinaio di metri ci fermiamo a un benzinaio e si spegne da sola, senza intenzioni di ripartire. L’abbiamo fatta ripartire veramente a fatica, spingendola in due, e sgasando come pazzi per tenerla accesa abbiamo raggiunto la destinazione, dove smontando il cilindro abbiamo trovato un pistone veramente maciullato, cielo e testata del cilindro piene di segni, una delle due fasce in perfette condizioni, ma uno dei due seeger dello spinotto (seeger a occhiello, non a G), quello lato frizione, era spezzato con una metà mancante. Il cilindro aveva una lieve riga ma niente di rilevante, decisamente riutilizzabile. Il giorno dopo ci è stato regalato da un meccanico un pistone Polini identico, usato, in perfette condizioni, che aveva un solo seeger (a G) e dall’altro lato lo spinotto che usciva. Abbiamo rimontato questo pistone usando uno dei miei seeger a occhiello e uno a G che mi aveva dato il meccanico, senza dare troppa importanza a questi seeger. Chiuso il motore la vespa si riaccende perfettamente. Il giorno dopo partiamo da Firenze in direzione Orvieto. Come due giorni prima viaggio assolutamente perfetto, ma a 10 km dalla destinazione, mentre rallentavo a uno stop, la vespa si spegne di colpo in terza, senza bloccare la ruota e senza rumori strani, ma con nessuna intenzione di ripartire. Al che smonto la testa e trovo la stessa situazione dell’altra volta ma peggiore, cielo e fasce devastate. Una volta tirato giu il cilindro ci accorgiamo che anche qui il seeger lato frizione (seeger a occhiello, non a G) è spezzato e ne manca metà. Dopo questa lunga introduzione arriviamo alla vera questione. Mi sono informato su altri forum e ho trovato molti post in cui si dice che il Polini deve ASSOLUTAMENTE montare i seeger a G e non quelli originali piaggio. Tuttavia, a me il Kit Polini è arrivato con i seeger a occhiello. In tutte le foto su internet del kit pollini si vedono i seeger a G. Pur essendoci questa spiegazione su altri forum ho voluto chiedere qui perché ritengo che et3.it sia il più affidabile. É possibile che la causa di questo sterminio di pistoni sia il seeger dello spinotto sbagliato? Un mio amico angelo custode mi sta inviando da Milano un suo vecchio gt Pinasco usato ma in perfette condizioni. Il Pinasco ha lo stesso problema con i seeger? Quali devo montare? --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  3. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    Ciao a tutti, allora ho riaperto e chiuso il motore per cambiare albero, ho messo un jasil cromato ed anticipato che ho ulteriormente ritardato io per avere le fasi volute. Adesso ho come fasi 125\65. La configurazione del motore è come quella che ho scritto ad inizio post, tranne che per la marmitta. Adesso monto la padella originale, con la paratia interna forata da me. La polini ha avuto un problema su una saldatura ad un supporto...devo risaldarla e poi rimonterei quella.. Vi scrivo perchè volevo fare qualche domanda: 1) La vespa non va quanto dovrebbe, la marmitta non è adeguata sicuramente, ma potrebbe influenzare tanto la resa del motore? Ho provato una Vespa di un mio amico che montava un Polini 175 ghisa da raccordare, SI26, marmitta padella della drt più aperta, un dente di allungo in più al pignone frizione e volano alleggerito di 400gr penso. La vespa in apertura era sempre, ma dico sempre, in coppia..pazzesco. C'è ancora un abisso tra la sua Vespa e la mia...e non capisco come sia possibile. Io per giunta monto un volano alleggerito, preso da tonazzo, pesa 1,9Kg scarsi. 2) Mi potete spiegare per bene come partire a fare una buona carburazione della Vespa? Io non ho mai avuto qualcuno che mi spiegasse per bene come fare questa dannata operazione, e non so bene come giostrarmela. Adesso ho come min 45 e max 104, che mi sembrano piccoli. La vite miscela è a 2,5giri da tutta chiusa, spillo D26( è la base della configurazione 4T? Perchè il phbl che ho preso usato era configurato 4T e lo spillo che montava era quello e non l'ho cambiato..solo ugello e polverizztore) Ai bassi è grassa ed incerta, posso scendere di getto, con un 40 che ho, oppure chiudere la vite benzina? Quale delle due operazioni va fatta per prima? Se il getto del minimo regola il flusso di benzina, quella vite cosa fa allora? E' una seconda regolazione oltre al getto? Oppure avvito mezzo giro di vite aria(quella che comanda la ghigliottina?) Medi: non so ben capire come sono messo, dovrei fare una prova candela? O mi regolo solo su come prende giri? Alti, sento che non riesco a tirare, la vespa fa fatica a salire di giri. Getto troppo grosso per la padella originale? Perchè viste le fasi, il carburatore ed il cilindro non credo sia troppo grosso. Candela gradazione 8 all'iridio ngk. Prima avevo uno 9 ngk. Miscela fatta al 2%, 100% sintetico. 3) Ho notato che il volano gira storto, non è in asse, quali possono essere le cause? io ho pensato che possa essere un problema o dei cuscinetti, o delle sedi cuscinetto che non sono perpendicolari\paralleli perfettamente. Però se cosi fosse l'albero dovrebbe sbattere contro la camera di manovella..no!? Il volano e l'albero sono nuovi, quindi non imputerei il problema ad uno dei due che si possono essere deformati.
  4. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    La valvola quadrata la vedo dura a farla, proverò a vedere quanto spazio rimane, io non ho il lamellare ho il collettore polini e non so se c'è materiale a suff per farlo quadrato l'ingresso! Per quanto riguarda invece le fasi seguirò quanto detto dalla parmakit e suggerito da TM, 120\60. Comprerò l'albero anticipato e dopo andrò anche a ritardarlo di quanto serve per arrivare a 120, per quanto riguarda il ritardo devo capire bene di quanto è anticipato l'albero che comprerò.. Qualcuno mi sa dire di quanto sono anticipati gli alberi mazzuchelli corsa 57 per px125, di preciso? Inoltre qualcuno ha esperienza su alberi JASIL?? Ho trovato questo albero su ebay che mi ispira, mi sono andato ad informare e sembra che lavorino bene. http://www.ebay.it/itm/ALBERO-MOTORE-JASIL-TOP-RACING-ACCIAIO-ANTICIPATO-CROMATO-PIAGGIO-VESPA-PX-125-/361600136807?hash=item54310c3667:g:2uIAAOSwnDZT~Yt0 L'anticipo di questo albero sarà lo stesso dato dal mazzuchelli?
  5. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    Il mio è il cilindro Classic! Senza booster di scarico! alla base del cilindro non ho capito bene che lavoro vada fatto, hai delle foto da farmi vedere? Se itendi raccordare i travasi al carter quello l'ho fatto immediatamente al primo montaggio Il cilindro ha già su 1300km circa, ed assieme ad altri pezzi mi devono arrivare le fasce nuove da sostituire. Ogni quanti km\pieni le cambi o consigli di cambiarle? Per migliorare lo scarico mi è stato suggerito di mettere il pistone nella posizione in cui sta per aprire lo scarico, segnare con un pennarello la posizione del pistone, togliere il pistone ed allargare lo scarico per renderlo "rettangolare" in modo tale da ottenere un'apertura massima subito. Rettangolare ma con gli angoli non retti, ma raccordati per non fare da ghigliottina alle fasce..mi sono spiegato? altrimenti faccio un disegno..
  6. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    Grazie per avermi risposto! Temevo di non avere nessun consiglio prima che chiudessi. Prima che rispondessi tu avevo mandato una mail alla parmakit ed ho postato ma hanno approvato il messaggio dopo che hai commentato te..tutto questo per dire che anche la parmakit mi ha consigliato come dici te 120 di anticipo e 60 di ritardo, in alternativa 125 e 65 ma credo che andrei troppo in alto per quello che è la mia applicazione. La marmitta polini l'avevo presa a 40€ da un mio amico usata, adesso monterò quella e la terrò fino a che non mi farò un altro gruzzoletto e potrò pensare di cambiarla, in alternativa alla padella originale penso sia comunque meglio la polini per ora, o sbaglio? La giannelli ho visto costa una 90ina di euro, è un prezzo più che onesto, ma quanto baccano fa? Per quanto riguarda le fasi: ANTICIPO: ritardo l'albero od anticipo la valvola? allargando troppo la valvola ho problemi di riempimento con il 24? RITARDO: quesito analogo, lavoro su valvola o prendo un albero anticipato e nel caso arrivo a 60° lavorando la valvola, se l'anticipo sull'albero non è sufficiente? Gli alberi anticipati non hanno mai riportato i gradi di anticipo, ho chiamato tonazzo e mi hanno detto che il mazzuchelli corsa 57 cono 20 anticipato ha 19mm in meno di spalla, ma misurata come? lungo circonferenza o con calibro, quindi rettilinei? non so se mi sono spiegato..
  7. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    Ho mandato una mail alla parmakit e mi hanno suggerito questa modifica: VALVOLA Anticipo: 111° 120/125° Ritardo: 44° 60/65° Cosa ne pensate? sono troppo alte per il mio scopo?! Visto il ritardo che mi consigliano direi che devo prendere un albero anticipato...che dite?
  8. BenexInVespa

    FASATURE PX PARMAKIT TSV CLASSIC

    Ciao a tutti, ho il motore aperto e devo decidere che fasi dare al mio motore. Ho letto un po di post al riguardo ma ho le idee ancora un po confuse. Quello che voglio ottenere è un motore che giri abbastanza alto, senza esagerare dal momento che faccio spesso viaggi. Vorrei dunque un parere su che fasi dare alla valvola e se prendere un albero anticipato e ritardarlo anche oppure mantenere l'albero originale andando a ritardarlo e basta. Inoltre pensavo di eliminare le fascette della camicia in corrispondenza dei travasi, ho capito che ostruiscono in parte il flusso di miscela. (allego foto per chiarimento) Io sono configurato cosi al momento: BASE : VESPA PX125 (originaria a puntine) GT: PARMAKIT 177 TSV CLASSIC - CORSA 57 - CANDELA CENTRALE, 2 GUARNIZIONI DI TESTA E 4 DI BASE, SQUISH 1,4( da verificare) ALIMENTAZIONE: CARBURATORE PHBL24 DELL'ORTO (NO MIX) + CORNETTO + FILTRO SPUGNA RAMAIR + COLLETTORE POLINI 28mm(ahimè) MARMITTA: ESPANSIONE POLINI EVOLUTION ALBERO : MAZZUCHELLI "TIPO ORIGINALE" FASATURA : TRAVASO 120° - SCARICO 175° - VALVOLA: 111°ant. e 44°rit. ACCENSIONE: ORIGINALE PIAGGIO - ANTICIPO IT - VOLANO ALLEGGERITO 1.9kg RAPPORTI: ORIGINALI 125 - PRIMARIA ORIGINALE CON DOPPIE MOLLE FRIZIONE: 7 MOLLE RINFORZATE MALOSSI - DISCHI MALOSSI - BICCHIERINI FORATI - PIGNONE 23 DENTI
  9. Ciao a tutti, mi sono andato a guardare tutte ( penso ), le discussioni riguardanti le messe a punto del tsv ma non ho trovato sul forum un post "testo unico" in cui ognuno mettesse giù la propria configurazione spiegandone i pregi ed i difetti. Quello che voglio preparare è un motore che giri alto, senza andare su giri esageratamente alti. Abito a Milano e faccio spesso viaggi, e mi piacerebbe avere un motore che tirasse sopra senza andare a cercare i 160km\h perchè tanto poi non mi fermo più. Arrivasse a 100\120 mi riterrei già pienamente soddisfatto. Dal momento che non so bene che configurazione mettere vi dico quello che per ora è presente nel mio motore che, per motivi ancora a me sconosciuti non va un mattarello. Adesso si trova in cantina smontato pronto per una bella messa a punto definitiva. Chiedo gentilmente a tutti coloro che hanno questo gruppo termico di fare uno specchietto dettagliato della configurazione indicando i pregi ed i difetti e lo scopo d'utilizzo del motore così settato, ad esempio: per uso cittadino, cittadino più viaggi fuori città, viaggi, e cosi via. Un post di "testo unico" sul tsv l'ho trovato su vespa resources ma non l'ho trovato fatto bene, e dal momento che ritengo questo forum pieno di gente ben più preparata vorrei che fosse fatto qua qualcosa di serio ed utile a tutti i "parmakittari". Agli admin\moderatori ed a tutti i membri, chiedo di segnalarmi la presenza di un post simile\uguale onde evitare una ripetizione inutile, e nel caso fosse presente mi scuso e provvederò a cancellare il post. BASE : VESPA PX125 (originaria a puntine) GT: PARMAKIT 177 TSV CLASSIC - CORSA 57 - CANDELA CENTRALE ALIMENTAZIONE: CARBURATORE PHBL24 DELL'ORTO (NO MIX) + CORNETTO + FILTRO SPUGNA RAMAIR + COLLETTORE POLINI MARMITTA: ESPANSIONE POLINI EVOLUTION ALBERO : MAZZUCHELLI "TIPO ORIGINALE" VALVOLA: ALLUNGATA DI 3MM LATO AMMO E RACCORDATA AL COLLETTORE POLINI FASATURA : TRAVASO 120° - SCARICO 175° - VALVOLA ------ ( da prendere, non trovo più i valori) ACCENSIONE: ORIGINALE PIAGGIO - ANTICIPO IT - VOLANO ORIGINALE CONO 20 (sto per alleggerirlo di 200\400gr) RAPPORTI: ORIGINALI 125 - PRIMARIA ORIGINALE CON DOPPIE MOLLE FRIZIONE: 7 MOLLE RINFORZATE - DISCHI MALOSSI - BICCHIERINI FORATI - PIGNONE 20 DENTI OLIO MOTORE: SAE30 OLIO MISCELA: CASTROL POWER 1 (EX TTS) AL 2% - NO MIX CANDELA: NGK IRIDIUM GRADAZIONE 8 DIMENSIONE RUOTE: 3.5 - 10